Presentazione di “Un mondo nuovo, una speranza appena nata. Gli anni sessanta alla Spezia e provincia” di Giorgio Pagano e Maria Cristina Mirabello, Venerdì 11 novembre ore 17 a Sestri Levante, Sabato 12 alle ore 16 a Romito Magra
7 Novembre 2022 – 21:53

Presentazione di“Un mondo nuovo, una speranza appena nata. Gli anni sessanta alla Spezia e provincia”di Giorgio Pagano e Maria Cristina Mirabello,Venerdì 11 novembre ore 17 Sestri Levante – Palazzo FascieSabato 12 novembre ore 16 Romito …

Leggi articolo intero »
Crisi climatica e nuove politiche energetiche

Economia, società, politica: anticorpi alla crisi

Quale scuola per l’Italia

Religioni e politica

Ripensare il Mediterraneo un compito dell’Europa

Home » Interventi La Nazione

Impossibile distinguere tra chi fugge dalle guerre e chi fugge dalla fame

a cura di in data 15 Settembre 2015 – 07:24Nessun commento

La Nazione, 12 settembre 2015 – E’ impossibile distinguere, come fa il lettore Silvano Landucci in polemica con un mio intervento, chi fugge dalle guerre da chi fugge dalla fame, tacciando questi ultimi come “clandestini”. Conosco bene l’Africa: non solo le guerre ma anche il saccheggio neocoloniale delle risorse e la nostra “guerra al clima” spingono milioni di persone affamate verso il mondo più ricco. Oggi, grazie a un’antenna satellitare, anche nel più remoto villaggio africano va in onda lo spettacolo di un’ingiustizia tragica, e le menti delle popolazioni immiserite subiscono il potere incontenibile di attrazione delle nostre società. Dobbiamo certamente impegnarci perché l’Africa cambi, con un grande progetto di pace e di ricostruzione: io, nel mio piccolo, lo sto facendo, ma questo grande progetto purtroppo non c’è ancora. Non ci resta, intanto, che accogliere.
Non dimentico certo “la situazione critica di tanti italiani”, anzi. Sostengo che un’Europa che ha adottato da anni politiche che negano l’accoglienza -casa, lavoro, reddito e sicurezza- a una quota crescente dei suoi cittadini non riuscirà ad accogliere i migranti. Potrà farlo solo se cambierà i suoi bilanci e abbandonerà l’austerity, a vantaggio di tutti i più deboli, italiani e migranti. L’accoglienza ai migranti non è quindi solo solidarietà ma anche ricerca comune di giustizia sociale. Non mi piace la frase “prima gli italiani”, ma nemmeno quella “prima i migranti”. Mi piace dire: aiutiamoci tutti insieme, su questa terra, che è di tutti. Infine: cerchiamo di capire quali vantaggi una forza lavoro giovane e abbondante procurerà alle invecchiate società europee nei prossimi anni. Le tasse versate dai migranti in Italia superano già oggi i benefici che essi ricevono dal nostro welfare per 4 miliardi; e gli economisti spiegano che senza 250 milioni di immigrati entro il 2060 non riusciremo a salvare le pensioni in Europa.

Giorgio Pagano
Presidente delle associazioni Mediterraneo e Funzionari senza Frontiere

Popularity: 3%