Presentazione di “Un mondo nuovo, una speranza appena nata” di Giorgio Pagano e Maria Cristina Mirabello. Sabato 25 Settembre ore 17.30 alla Casa del Popolo di Montaretto
24 Settembre 2021 – 20:48

Casa del Popolo di Montaretto
Sabato 25 Settembre, ore 17.30

Sabato 25 settembre alle ore 17,30, alla Casa del popolo di Montaretto, si terrà la presentazione del primo Volume del libro di Giorgio Pagano e Maria Cristina …

Leggi articolo intero »
Crisi climatica e nuove politiche energetiche

Economia, società, politica: anticorpi alla crisi

Quale scuola per l’Italia

Religioni e politica

Ripensare il Mediterraneo un compito dell’Europa

Home » Città della Spezia

Auguri a Giuliano Cozzani “Pellegro”, partigiano centenario

a cura di in data 12 Settembre 2021 – 20:12Nessun commento

“Pellegro” oggi, con in mano la tessera dell’ANPI e la fotografia da partigiano
(foto archivio famiglia Cozzani)

Città della Spezia, Gazzetta della Spezia, La Nazione, Il Secolo XIX 20 agosto 2021 – Oggi Giuliano Cozzani, il partigiano “Pellegro”, compie 100 anni. Nato a San Benedetto il 20 agosto 1921, dopo l’8 settembre 1943 rientrò a casa da Roma, con l’aiuto di una donna: “se ti fermano, dì che sei un mio aiutante”. Non rispose al bando della Repubblica di Salò e si nascose per qualche tempo, con altri disertori, nelle capanne dei boschi della zona. Se le donne stendevano le lenzuola, era il segnale che c’erano i tedeschi, e non rientravano a casa. Poi salì al monte Picchiara con una dozzina di ragazzi del suo paese e divenne partigiano della Colonna “Giustizia e Libertà”, con nome di battaglia “Pellegro”. Partecipò all’attacco alla caserma di Padivarma. Poi fu assegnato al centro di lancio del Picchiara, dove distribuiva le armi dei lanci degli Alleati. Durante il terribile rastrellamento del 20 gennaio 1945 si nascose, per cinque giorni e cinque notti, in un canalone. La mattina del 25 aprile partecipò alla liberazione di Spezia: “Le strade erano piene di fiori per terra, che la gente ci lanciava dalle finestre”, racconta.

“Pellegro” partigiano, il primo in basso a sinistra
(foto archivio famiglia Cozzani)

Da partigiano “Pellegro” ha coltivato il sogno di un mondo di pace, libero dalla violenza, dal razzismo e dalle ingiustizie. Per tutta la vita ha continuato a difendere quel sogno. Nel dopoguerra emigrò per molti anni in Argentina, poi rientrò a Spezia e lavorò come tipografo.
Caro “Pellegro”, a te e a tutti i partigiani dobbiamo la Costituzione, cardine della nostra democrazia. Anche se molti diritti scritti nella Costituzione purtroppo sono stati traditi, non hai mai detto “non lo farei più”, ma ti sei impegnato nell’ANPI a parlare con i giovani, in una splendida staffetta della memoria. Affinché nessuno dimentichi mai il passato e le nuove generazioni comprendano quanto preziosi siano la libertà e la giustizia, che vanno difese sempre. Grazie “Pellegro”, buon compleanno e un abbraccio affettuoso. Vogliamo vederti ancora, sorridente e gioviale come sempre, nella tua piazza Brin.

Giorgio Pagano
Co-presidente del Comitato Unitario della Resistenza

Popularity: 2%