Presentazione del libro di FARID ADLY<br />CAPIRE IL CORANO<br />Martedì 25 febbraio ore 17 Auditorium Biblioteca Beghi
17 febbraio 2020 – 23:00 | No Comment

L’ASSESSORATO ALLA CULTURA DI FOSDINOVO E L’ASSOCIAZIONE CULTURALE MEDITERRANEO
ORGANIZZANO UN CICLO DI INIZIATIVE SUL TEMA DELL’ESILIO
L’Assessorato alla Cultura del Comune di Fosdinovo e l’Associazione Culturale Mediterraneo della Spezia hanno concordato di avviare una collaborazione per …

Leggi articolo intero »
Crisi climatica e nuove politiche energetiche

Economia, società, politica: anticorpi alla crisi

Quale scuola per l’Italia

Religioni e politica

Ripensare il Mediterraneo un compito dell’Europa

Home » Rubrica Lontano&Vicino di Giorgio Pagano

L’outlet e lo sviluppo della Val di Vara

a cura di in data 9 giugno 2011 – 15:18Nessun commento

Il Secolo XIX – 9 giugno 2011 – Guido Melley, a nome dei commercianti che hanno presentato un ricorso al Tar per la revoca dei provvedimenti riguardanti l’outlet di Brugnato, ha usato parole pesanti: “E’ una battaglia di principio contro operazioni senza confronto e pubblica partecipazione e, soprattutto, senza rispetto delle norme in materia commerciale… con il piano regionale vigente un insediamento di tale portata non è previsto… una colpa molto grave va addebitata alla giunta regionale… l’amministrazione provinciale si è limitata a una mera ratifica tecnica di atti approvati altrove e non si è voluta assumere alcuna diretta responsabilità”. Si può discutere degli altri grandi insediamenti commerciali realizzati in questi anni: ma non c’è dubbio che essi siano stati previsti dalla pianificazione e lungamente discussi. Mentre l’outlet è sembrato un “fungo” spuntato all’improvviso. Regione e Provincia devono uscire dal silenzio e rispondere nel merito. La risposta non può essere quella del Comune di Brugnato: “l’outlet non è un outlet, né un centro commerciale”! Ma che cos’è, allora? E sarebbe bene, anche per evitare casi analoghi in futuro, che la Provincia tagliasse la testa al toro e chiedesse alla Regione il blocco ad ogni autorizzazione a nuove grandi superfici di vendita.
Credo che su questo argomento vada fatto un ragionamento più profondo. C’è una tendenza che già opera nella scena mondiale: un intero continente di merci si rovescerà nei prossimi anni su di noi per effetto dell’incontenibile aumento della produttività del lavoro. Tanti e sovrabbondanti beni intorno a noi  faranno sì che il valore tenderà -come sta già accadendo- a rifugiarsi in tutto ciò che non è standardizzato e industrialmente riproducibile, in ciò che è unico, nel patrimonio storico e naturale, nel lavoro di qualità e creativo. L’Italia è, per geografia e storia, il luogo dove possono sorgere nuove economie e nuovi lavori per i giovani: agricoltura biologica, manutenzione del territorio, energie rinnovabili, turismo sostenibile, enogastronomia, artigianato, cultura. Il futuro della Val di Vara sta in questo nuovo modello di sviluppo o in un’attività produttiva priva di radicamento e che consuma territorio come l’outlet?
Quello che propongo è solo un alfabeto con cui scrivere un grande progetto complessivo, insieme ai giovani, ai sindacati, alle associazioni, ai Comuni che non pensano solo a incassare oneri di urbanizzazione una tantum e a far assumere commessi, spesso precari. Non si tratta di dire a un giovane di andare a fare il contadino, ma di chiedergli di partecipare a questo progetto, per realizzare simultaneamente tutte le iniziative di valorizzazione delle nostre colline, affinché facciano massa critica. Un progetto che sia promosso da  Regione e Provincia. Quando Maurizio Caranza cominciò a parlare di biologico a Varese Ligure lo presero per “visionario”. Successe anche a me per l’ostello della gioventù a Biassa. Però ce l’abbiamo fatta. Non dobbiamo smettere di tentare. Un esempio: l’Associazione Culturale Mediterraneo e l’Università di Pisa svolgeranno una ricerca sulle potenzialità di sviluppo dell’economia solidale a Spezia. Come scrive Pietro Ingrao: ”se parliamo di fare il possibile sono capaci tutti, il compito della politica è pensare l’impossibile”.

lontanoevicino@gmail.com

Popularity: 3%