Siamo stufi di essere pazienti. Manifestazione alla Spezia Venerdì 14 giugno ore 17,30 in piazza Brin, poi corteo per piazza Europa
11 Giugno 2024 – 20:57

Siamo stufi di essere pazienti
Manifestazione alla Spezia
Venerdì 14 giugno ore 17,30 piazza Brin
Corteo per piazza Europa
La sanità che vogliamo, un diritto per tutte e non un lusso per pochi
1 – LISTE DI ATTESA che vogliamo
* …

Leggi articolo intero »
Crisi climatica e nuove politiche energetiche

Economia, società, politica: anticorpi alla crisi

Quale scuola per l’Italia

Religioni e politica

Ripensare il Mediterraneo un compito dell’Europa

Home » Economia, società, politica: anticorpi alla crisi

“Matteotti. L’ultimo discorso”. Conferenza dello storico Giovanni Scirocco nel centenario dell’uccisione di Giacomo Matteotti – Martedì 11 giugno ore 21 a Lerici – Sala Consiliare

a cura di in data 5 Giugno 2024 – 23:19

Invito

MATTEOTTI. L’ULTIMO DISCORSO
Conferenza dello storico Giovanni Scirocco
nel centenario dell’uccisione di Giacomo Matteotti
Martedì 11 giugno ore 21
Lerici – Sala Consiliare

Martedì 11 giugno alle ore 21, nella Sala Consiliare del Comune di Lerici, si terrà un’iniziativa in occasione del centenario della morte di Giacomo Matteotti, deputato socialista ucciso dai fascisti il 10 giugno 1924. L’iniziativa è organizzata dalla sezione ANPI di Lerici, dal Circolo ARCI Borgata Marinara, dalla Cooperativa 1° Maggio, dalla Società Marittima di Mutuo Soccorso, dall’Associazione Culturale Mediterraneo e dal Circolo Pertini. Dopo il saluto istituzionale del Sindaco Leonardo Paoletti e l’introduzione di Giorgio Pagano, presidente dell’Associazione Culturale Mediterraneo e co-presidente del Comitato provinciale Unitario della Resistenza, lo storico Giovanni Scirocco, docente all’Università di Bergamo, terrà una conferenza sul tema “Matteotti. L’ultimo discorso”.
L’ultimo discorso del deputato socialista fu tenuto il 30 maggio 1924. Sarebbe dovuto durare venticinque minuti ma durò oltre un’ora per le continue interruzioni dei fascisti. L’iniziativa – sostengono i promotori – “è un’occasione per riflettere sulla natura violenta e antidemocratica del fascismo e sulla perenne attualità dei valori dell’antifascismo e anche per far meglio conoscere una grande personalità della politica italiana, sempre impegnata per la dignità dei lavoratori, per la pace e per la difesa della democrazia dallo squadrismo fascista, contro ogni compromesso con il neonato regime”.
“Aveva ragione lo storico Renzo De Felice – afferma Giovanni Scirocco – quando scriveva che «l’ultimo discorso di Matteotti fu di duplice opposizione, contro il governo fascista, contro il fascismo tout court, ma anche contro i collaborazionisti del proprio partito e della CGL»”. Ma, soprattutto – aggiunge – “il discorso del 30 maggio accelerò ulteriormente i tempi dell’operazione, quasi sicuramente decisa da tempo, volta a eliminare Matteotti dalla scena politica. La rabbia fascista nei suoi confronti, peraltro maturata nel corso degli anni, a partire dalla sua inflessibile opposizione alla guerra, si manifestò in maniera ancora più evidente nei giorni successivi, fino al tragico epilogo del 10 giugno”.


Sala consiliare gremita, a Lerici, per il ricordo di Giacomo Matteotti nel centenario della sua uccisione per mano fascista, il 10 giugno 2024. All’iniziativa, organizzata dalla sezione ANPI di Lerici, dal Circolo ARCI Borgata Marinara, dalla Cooperativa 1° Maggio, dalla Società Marittima di Mutuo Soccorso, dall’Associazione Culturale Mediterraneo e dal Circolo Pertini, sono intervenuti Giorgio Pagano, presidente dell’Associazione Culturale Mediterraneo e co-presidente del Comitato provinciale Unitario della Resistenza, e lo storico Giovanni Scirocco, docente all’Università di Bergamo, che ha tenuto una conferenza sul tema “Matteotti. L’ultimo discorso”.
“La vita e la morte di Matteotti – ha detto Pagano – sono la risposta a chi dice: ‘condanniamo le leggi razziali del 1938, l’ingresso in guerra accanto a Hitler nel 1940, ma salviamo la fase precedente del fascismo, il fascismo buono’: il fascismo buono non è mai esistito, la violenza come sistema è connaturata al fascismo ed è nel suo dna originario, fin dal 1919. Possiamo, dobbiamo avere idee diverse, perché il conflitto è il sale della democrazia – ha proseguito – ma dobbiamo riconoscerci tutti nei principi della Costituzione antifascista. La rottura con il fascismo si chiama antifascismo: sono due principi inconciliabili. Ecco perché dobbiamo essere inflessibili contro i rigurgiti neofascisti”.
Scirocco ha esaminato l’ultimo discorso di Matteotti in Parlamento, il 30 maggio 1924. Il deputato socialista “denunciò, attraverso la nuda e cruda esposizione dei fatti, il clima di violenza in cui si era svolta la campagna elettorale, anche con la partecipazione della milizia fascista istituita l’anno prima, e una serie di irregolarità avvenute durante il voto (in molti seggi i rappresentanti di lista erano solo fascisti o del ‘listone’ nazionale), chiedendo il rinvio della convalida dell’elezione.”
La parte finale del discorso di Matteotti è stata letta da Beppe Mecconi:
“Voi dichiarate ogni giorno di volere ristabilire l’autorità dello Stato e della legge. Fatelo, se siete ancora in tempo; altrimenti voi sì, veramente, rovinate quella che è l’intima essenza, la ragione morale della Nazione. Non continuate più oltre a tenere la Nazione divisa in padroni e sudditi, poiché questo sistema certamente provoca la licenza e la rivolta. Se invece la libertà è data, ci possono essere errori, eccessi momentanei, ma il popolo italiano, come ogni altro, ha dimostrato di saperseli correggere da sé medesimo. Noi deploriamo invece che si voglia dimostrare che solo il nostro popolo nel mondo non sa reggersi da sé e deve essere governato con la forza. Ma il nostro popolo stava risollevandosi ed educandosi, anche con l’opera nostra. Voi volete ricacciarci indietro. Noi difendiamo la libera sovranità del popolo italiano al quale mandiamo il più alto saluto e crediamo di rivendicarne la dignità”.
Scirocco si è infine soffermato su Matteotti come “grande personalità della politica italiana, sempre impegnata per la difesa della dignità del lavoro, per il diritto all’istruzione, per la pace”. Era un politico “che studiava e approfondiva ogni problema e che si batteva per attuare i suoi principi ricercando sempre la partecipazione popolare”. Un modo di fare politica “che ci parla ancora perché è proprio quello che è mancato in questi anni”.
E’ seguita un’ampia discussione che ha toccato molteplici aspetti: la vigilanza contro i pericoli autoritari, la critica alla riforma della Costituzione, la necessità di tornare a una politica che rappresenti il mondo del lavoro e si basi sulla partecipazione democratica dei cittadini.

Popularity: 1%