E’ un Natale che ci obbliga a pensare all’esistenza degli altri
24 Dicembre 2020 – 15:11

Città della Spezia, 24 dicembre 2020 – I tanti mesi segnati dal contagio e dalla paura dovrebbero imporci uno sguardo diverso sul Natale e sulla nostra vita. La pandemia non deve portarci a discutere soltanto …

Leggi articolo intero »
Crisi climatica e nuove politiche energetiche

Economia, società, politica: anticorpi alla crisi

Quale scuola per l’Italia

Religioni e politica

Ripensare il Mediterraneo un compito dell’Europa

Home » Quale scuola per l'Italia

Report del gruppo di lavoro “Quale scuola per l’Italia” 21.01.2009

a cura di in data 21 Gennaio 2009 – 16:53Nessun commento

Il gruppo si è occupato dei recenti provvedimenti governativi. “Siamo davanti più a razionalizzazioni che a riforme, e restano tagli pesanti”: questo, in estrema sintesi, il giudizio emerso.
Si inizierà a discutere di  università e di rapporto scuola-mondo del lavoro, con la presentazione, il 2 marzo, del libro di Massimo Livi Bacci “Avanti giovani, alla riscossa”. Il saggio affronta un problema demografico che ha fortissime incidenze sociali: i giovani sono pochi e procedono molto lentamente nel cammino che conduce all’autonomia. Tra le terapie d’urto suggerite dall’autore c’è l’intervento sulla formazione come leva per far ripartire la mobilità sociale.
Il 31 marzo si esaminerà, con il contributo del prof. Panvini, dirigente ministeriale, il quadro legislativo riguardante la scuola superiore; c’è, in teoria, spazio per una discussione con il mondo della scuola, dato che i provvedimenti governativi sono slittati di un anno.
Subito dopo verrà affrontato il tema della scuola di base, già affrontato nell’incontro con Marco Rossi-Doria, cercando di rispondere all’interrogativo:”è possibile mantenere la qualità nonostante i provvedimenti governativi?” Ci sono infatti forti  rischi per la compresenza degli insegnanti, per la qualità del tempo pieno, per il recupero dei ragazzi in difficoltà e la lotta alla dispersione scolastica.

Popularity: 36%