Presentazione del primo Volume di “Un mondo nuovo, una speranza appena nata. Gli anni Sessanta alla Spezia ed in provincia” di Giorgio Pagano e Maria Cristina Mirabello – Giovedì 10 Settembre al parco della Maggiolina e Venerdì 11 al Cinquale di Montignoso
9 Settembre 2020 – 08:27 | No Comment

Il primo Volume del libro di Giorgio Pagano e Maria Cristina Mirabello “Un mondo nuovo, una speranza appena nata. Gli anni Sessanta alla Spezia ed in provincia” sarà presentato, nei prossimi giorni, alla Spezia, al …

Leggi articolo intero »
Crisi climatica e nuove politiche energetiche

Economia, società, politica: anticorpi alla crisi

Quale scuola per l’Italia

Religioni e politica

Ripensare il Mediterraneo un compito dell’Europa

Home » Crisi climatica e nuove politiche energetiche, Economia, società, politica: anticorpi alla crisi, Quale scuola per l'Italia, Religioni e politica, Ripensare il Mediterraneo un compito dell'Europa

Il programma delle iniziative autunnali dell’Associazione Culturale Mediterraneo

a cura di in data 17 Settembre 2013 – 12:50Nessun commento

Per il ciclo “RIPENSARE IL MEDITERRANEO, UN COMPITO DELL’EUROPA” sono previste due iniziative. La prima si terrà sabato 5 ottobre alle ore 11,30 nell’Auditorium del mare, in collaborazione con Libriamoci e la Festa della Marineria: verrà presentato il libro di FRANCO SCAGLIA “IL GIARDINO DI DIO. MEDITERRANEO, STORIE DI UOMINI E PESCI”. Sarà presente l’autore, giornalista e scrittore, autore di romanzi ambientati in Terra Santa e di opere di saggistica scritte con Monsignor Vincenzo Paglia. Il Mediterraneo è per Scaglia la culla della civiltà, il centro del mondo, la sede del mito e della fantasia, il luogo in cui sono nate le tre grandi religioni monoteiste. Dai Fenici ai migranti di oggi, passando per le crociate, l’autore racconta e interpreta il movimento di viaggiatori che, spostandosi da una costa all’altra, ha prodotto una fitta rete di scambi di sapere, di cultura, di commerci. La seconda iniziativa si terrà lunedì 18 novembre alle ore 10,30 in sala Dante, in collaborazione con la Federazione degli Studenti: verrà presentato il libro “UN ABILE PER LA PACE” di MASSIMO TOSCHI, consigliere del Presidente della Regione Toscana per la cooperazione internazionale e i diritti delle persone disabili. Sarà presente l’autore e interverrà il Viceministro degli Affari Esteri on. LAPO PISTELLI. Nel titolo si riassume lo straordinario percorso che Toschi racconta. Disabile per una poliomelite contratta da bambino, destinato a una vita in carrozzella e piena di ostacoli, Toschi si è sempre impegnato a fianco dei poveri e per la pace. Ha lavorato in molti Paesi in via di sviluppo per dar vita a progetti di sostegno umanitario, di riconciliazione e di fraternità. “La mia disabilità -scrive- mi ha insegnato che c’è un’unica forza che cambia il mondo: la forza della mitezza, che fa dei poveri i maestri della pace”.

Due appuntamenti anche per il ciclo “ECONOMIA, SOCIETA’, POLITICA: ANTICORPI ALLA CRISI”. Il primo si terrà venerdì 11 ottobre alle ore 17 al Centro Allende: RENZO BERTI, già sindaco di Pistoia, presenterà il suo libro “TRA IL DIRE E IL FARE”. Interverrà il sen. VANNINO CHITI, già sindaco di Pistoia e Presidente della Regione Toscana. Berti è spezzino, della Foce. Il libro è un racconto non convenzionale sul suo decennio da sindaco, e una riflessione originale sulla politica di oggi. Il secondo appuntamento si terrà venerdì 6 dicembre alle ore 17 al Centro Allende, in collaborazione con la Cisl: verrà presentato il libro di LORENZO CASELLI, docente di Etica economica e responsabilità sociale delle imprese all’Università di Genova, “LA VITA BUONA NELL’ECONOMIA E NELLA SOCIETA’”. Sarà presente l’autore e interverrà SERGIO MIGLIORINI, segretario generale della Cisl. Caselli propone di riprogettare il nostro cammino mettendo al centro il bene comune, di tutti e di ciascuno, affinché tutti siano responsabili di tutto. Ricomporre intelligenza e cuore è la grande sfida di oggi: la fraternità, la gratuità, il dono sono fondamento di “vita buona” nell’economia e nella società.

Per il ciclo “QUALE SCUOLA PER L’ITALIA” interverrà, lunedì 28 ottobre alle ore 17 al Centro Allende, il Ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca MARIA CHIARA CARROZZA. Rispetto alla fase in cui l’unico criterio è stato il disinvestimento nella scuola e il fine ultimo la privatizzazione del sistema, si intravvede con il nuovo Ministro un’inversione di rotta. Ma quel che serve, ha sempre sostenuto Mediterraneo, al di là dei “conti”, è l’”anima”, cioè il progetto, il disegno culturale ed educativo che deve investire non solo l’infanzia e l’adolescenza, ma la popolazione nel suo complesso. Ed è proprio ciò che è mancato in questi anni. Di questi temi si discuterà nell’incontro dal titolo “RICOSTRUIRE LA SCUOLA”, in cui il Ministro dialogherà con il mondo della scuola spezzino.

Per il ciclo “RELIGIONI E POLITICA” l’appuntamento è con VITO MANCUSO, docente di Storia delle dottrine teologiche all’Università di Padova, che presenterà il suo ultimo libro “IL PRINCIPIO PASSIONE LA FORZA CHE CI SPINGE AD AMARE”. L’evento si terrà sabato 16 novembre alle ore 17 al Centro Allende. Mancuso ha riflettuto per anni sul concetto di amore: un concetto astratto e inspiegabile. Il teologo ama il mondo, la vita, gli uomini, Dio, e questo amore per il creato, per la giustizia, per la luce del bene, rappresenta l’unica possibile dimensione esistenziale per tutti gli uomini che credono nel concetto di amore. Ma il concetto non ha radici logiche; non c’è la possibilità di provare l’esistenza dell’amore attraverso un’analisi oggettiva della realtà. La pura constatazione di ciò che è tangibile e di ciò che non lo è potrebbe condurre a non amare il mondo, l’uomo, Dio. Eppure, Mancuso ne è certo, vi è qualcosa di più profondo della realtà tangibile. Vi è un sentimento interiore, una forza che non si rassegna a cadere davanti a una ragione cinica, davanti all’indifferenza dello spirito. Per Mancuso vi è un luogo in cui l’amore è la più alta dimensione dell’essere, dove vi è un energia particolare che trae il suo principio dalla passione.

Il quinto e ultimo ciclo, “CRISI CLIMATICA E NUOVE POLITICHE ENERGETICHE”, vedrà come protagonista il Ministro dell’Ambiente ANDREA ORLANDO, che interverrà lunedì 2 dicembre alle ore 17 al Centro Allende sul tema “ENERGIA E AMBIENTE. UN NEW DEAL ECOLOGICO CONTRO LA CRISI”. Su questo tema Mediterraneo ha prodotto in questi anni un’elaborazione frutto del dialogo con le associazioni ambientaliste, imprenditoriali e sindacali, con Regioni e Comuni, con rappresentanti dell’Onu e dell’Unione europea, con molti esperti di tendenze diverse. L’elaborazione è così riassumibile: l’Italia deve raggiungere entro il 2014 gli obbiettivi di riduzione dei gas serra, quelli che provocano il riscaldamento globale, previsti nel protocollo di Kyoto, e entro il 2020 gli obbiettivi europei del “pacchetto 20-20-20”: -20 di anidride carbonica, + 20 di energie rinnovabili, + 20 di efficienza energetica; le emissioni sono diminuite dal 2008 in poi grazie non solo alla crisi economica ma anche al fatto che l’economia italiana si è fortemente decarbonizzata e che il mix energetico è cambiato: meno prodotti petroliferi, più gas e più fonti rinnovabili; gli obbiettivi dell’Onu e dell’Ue sono raggiungibili agendo su trasporti, riscaldamento e centrali; un nuovo Piano energetico dovrebbe fondarsi sull’efficienza, sulle fonti rinnovabili e sulla riqualificazione del patrimonio immobiliare italiano, obbiettivi che potrebbero diventare il “driver” di un New Deal ecologico contro la crisi; nella fase di transizione la rete italiana può basarsi sul gas, che presenta caratteristiche ideali per combinarsi con le rinnovabili, e non sul troppo inquinante carbone. L’Associazione non ha mai trovato, però, interlocutori nel Governo nazionale: l’Italia non ha una strategia energetica. Il nuovo Ministro, invece, ha marcato un’inversione di rotta: serve, ha detto, un Piano energetico nazionale “che vada verso la decarbonizzazione”. E ha aggiunto: “Non è possibile avere un approvvigionamento solo dalle rinnovabili e, in parte, la nostra produzione dovrà quindi essere legata, accanto ad una strategia di risparmio, ad un aumento della produzione a gas”. Affermazioni condivisibili, che ora vanno tradotte in atti concreti. L’incontro avrà le caratteristiche del dialogo con la città, vitalmente interessata al Piano sia per il futuro della centrale Enel di Vallegrande che per quello del gassificatore Snam Rete Gas di Panigaglia.

Infine il cartellone prevede un incontro il 5 novembre alle 17 al Centro Allende dal titolo: “L’ASSOCIAZIONE CULTURALE MEDITERRANEO COMPIE 5 ANNI. INCONTRO IN RICORDO DI DON ANDREA GALLO E A SOSTEGNO DELLA COMUNITA’ DI SAN BENEDETTO AL PORTO”. Come ogni anno, Mediterraneo festeggia il suo compleanno con gli amici più cari. Quest’anno non poteva che dedicare questa giornata a don Andrea Gallo, amico fraterno dell’Associazione e del suo Presidente. All’iniziativa interverranno: DOMENICO ‘MEGU’ CHIONETTI, portavoce della Comunità; LUIGI FACCINI, regista; GIORGIO PAGANO, Presidente dell’Associazione; ANDREA RANIERI, giornalista e scrittore. Verrà proiettato il film di Luigi Faccini “ANDREA, DICCI CHI SEI”, video ritratto e illuminante intervista a don Gallo.

Popularity: 6%