“50 anni di obiezione per la pace. Un’altra difesa è possibile!” – Sabato 28 gennaio ore 10, Auditorium Biblioteca Beghi
27 Gennaio 2023 – 15:39

“50 anni di obiezione per la pace. Un’altra difesa è possibile!”
Sabato 28 gennaio ore 10,
Auditorium Biblioteca Beghi
Per ricordare i 50 anni della legge 772/72 sull’ Obiezione di Coscienza al servizio militare, il Gruppo di Azione …

Leggi articolo intero »
Crisi climatica e nuove politiche energetiche

Economia, società, politica: anticorpi alla crisi

Quale scuola per l’Italia

Religioni e politica

Ripensare il Mediterraneo un compito dell’Europa

Home » Lerici In

Le origini del fascismo e dell’antifascismo a Lerici – Seconda parte

a cura di in data 22 Gennaio 2023 – 22:06Nessun commento
San Terenzo negli anni Venti del Novecento (foto archivio Riccardo Bonvicini)

San Terenzo negli anni Venti del Novecento
(foto archivio Riccardo Bonvicini)

Lerici In 1° gennaio 2023

L’alba del fascismo, dai santerenzini a Bibolini

Il fascismo fu radicato nella piccola borghesia, ma prima di tutto – scrisse Franco Ferrarotti – “difende il portafogli dei grandi borghesi” . Il fascismo costituì cioè lo strumento che consentì ai detentori del potere economico di vincere una crisi “storica” e di sconfiggere la classe operaia. La violenza sulle fabbriche e sul lavoro fu un tutt’uno con la violenza sulla società e sulla politica. Alla Spezia il fascismo si intrecciò sempre con l’industria armiera e con la Marina Militare . Anche il fascismo lericino fu in primo luogo borghese e benestante.
Il primo nucleo fascista nel Lericino fu costituito a San Terenzo, scrisse L’Opinione nel 1926:
“Il capoluogo, opulento […] era meno inflitto dalle eresie politiche di quel che non fossero le frazioni”, come la Serra, dove “stava, come una spina nel fianco del Comune italianissimo, il Bacigalupi”. San Terenzo, poi, “era il covo più numeroso del sovversivismo profittante costituito da operai foresti e raccogliticci con elementi locali abbruttiti dal vino e dall’ignoranza. […] La gazzarra scioperaiola, scagliata a rovinare gli stabilimenti del Golfo, devastava le industrie”. Contro questo “stato di cose intollerabile” insorsero i primi fascisti. Tra loro c’erano il parroco don Vincenzo Roncallo, che “inveiva romanamente dall’altare contro il malcostume e il sovversivismo”, il medico Francesco Bucceri, gli imprenditori Remigio Azzarini e Michele Piazza, Giuseppe Diaz – nella memoria popolare il più squadrista di tutti – e altri. “Né mancò a questi primissimi – sottolineò L’Opinione – l’appoggio del nome illustre dei Mantegazza nella persona di Don Giulio”.

Giovan Battista Bibolini (da Wikipedia)

Giovan Battista Bibolini (da Wikipedia)

A Lerici Emilio Biaggini e Pietro Bibolini – aggrediti il 13 febbraio 1922 in uno degli episodi che precedettero la spedizione fascista della Serra – appartenevano a famiglie di armatori.
Il vero capo del fascismo lericino era il cittadino più facoltoso: l’ingegner Giovan Battista Bibolini, armatore, che fu deputato dal 1934 al 1943, quindi senatore, nonché presidente della Provincia dal 1932 al 1935. Nel 1922 era consigliere provinciale e comunale, e presidente del fascio lericino. Pietro era suo nipote.
Il fascismo lericino fu violento? L’8 maggio 1921 centocinquanta fascisti disturbarono il comizio elettorale del comunista Aristide Pavolettoni a Lerici e devastarono la sezione comunista di San Terenzo (secondo i comunisti i devastatori furono i carabinieri). Erano spezzini, guidati da quell’Alberto Landini ucciso mentre saliva all’assalto della Serra il 15 febbraio 1922. Ma c’erano anche i santerenzini, rivelò L’Opinione: “Furono i fascisti di San Terenzo i primi a turbare i comizi a ripetizione di chi negava Dio e la Patria; […] i primi ad accogliere i fratelli della Spezia” .
La spedizione della Serra fu tutta spezzina, e i fascisti lericini Magellano Pagano e Gino Vizzotti cercarono in qualche modo di evitarla. Ed erano spezzini i fascisti che, il 29 gennaio 1922, avevano iniziato le provocazioni che portarono ai fatti della Serra. Angelo Bacigalupi, nell’interrogatorio al processo sui fatti della Serra, per difendersi dall’accusa disse che, dopo gli episodi del 13 febbraio, il 14 al pontile di Lerici aveva incontrato Pagano, che lo aveva invitato “a tenermi in quei giorni appartato, data l’intenzione dei suoi amici fascisti di procedere a qualche rappresaglia” .
Ma tutto ciò non significa affatto che i fascisti lericini non fossero violenti. Non ci furono due fascismi, nemmeno a Lerici: la violenza fu l’elemento identitario che coinvolse tutto il movimento.

Luglio 1938, Emilio Biaggini, Achille Starace in divisa bianca e Duilio Biaggini (dall'archivio di LERICI IN)

Luglio 1938, Emilio Biaggini, Achille Starace in divisa bianca e Duilio Biaggini
(dall’archivio di LERICI IN)

All’aggressione ad Albano e Marcello Gregori a San Terenzo il 9 giugno 1922, nel pomeriggio, parteciparono anche Emilio Biaggini e Magellano Pagano, insieme ad altri fascisti lericini e sarzanesi, identificati dai carabinieri . Il giorno prima “i due più arrabbiati fascisti di qui – scrisse Il Libertario da San Terenzo – credendo di avere loro due in mano il paese aggredirono un consigliere comunale comunista”, e i fascisti spararono rivoltellate nel borgo sia la sera del 9 giugno che quella successiva .
Secondo Il Secolo XIX il 10 giugno a San Terenzo i fascisti erano alla caccia del comunista Romeo Pagano e furono oggetto di rivoltellate, ma furono arrestati i “due fascisti Francesco Larieri e Magellano Pagano, trovati in possesso di rivoltella” .
Da allora fu tutto un crescendo per tutto il 1922, fino alla violentissima rappresaglia che si scatenò per più giorni dopo l’uccisione di Giovanni Lubrano – uno degli squadristi più feroci – la notte del 21 gennaio 1923 alla fonderia Pertusola, dove lavorava. I fascisti lericini fecero la loro parte. Tra gli squadristi arrestati vi furono Silvio Carro di Pugliola, Valentino Novelli di Lerici, Cesare Lupi del Guercio ; tra le vittime Fioravanti Paolo Raspolini detto Dante, di Romito, parente di Stefano Gabriele Paita, il giovane comunista ucciso alla Serra.
Da allora lo squadrismo, trasferitosi nelle milizie e in altri organismi, fu per tutto il ventennio elemento caratterizzante di tutto il fascismo.

Giorgio Pagano

Popularity: 1%