Presentazione di “Un mondo nuovo, una speranza appena nata. Gli anni sessanta alla Spezia e provincia” di Giorgio Pagano e Maria Cristina Mirabello, Sabato 20 agosto alle ore 21 nel piazzale della parrocchia di S. Andrea a Levanto
11 Agosto 2022 – 22:09

Presentazione di“Un mondo nuovo, una speranza appena nata. Gli anni sessanta alla Spezia e provincia”di Giorgio Pagano e Maria Cristina Mirabello,Sabato 20 agosto ore 21 a LevantoPiazzale della parrocchia di S. Andrea
I due Volumi del …

Leggi articolo intero »
Crisi climatica e nuove politiche energetiche

Economia, società, politica: anticorpi alla crisi

Quale scuola per l’Italia

Religioni e politica

Ripensare il Mediterraneo un compito dell’Europa

Home » Il Secolo XIX locale, Rubrica Punti di vista

Inopportuno dare l’Allende ai fascisti

a cura di in data 19 Dicembre 2015 – 11:27Nessun commento

Il Secolo XIX, 15 dicembre 2015 – Ha ragione Amerigo Lualdi sul Secolo: la concessione della sala dedicata a Salvador Allende per un’iniziativa sul Fronte della Gioventù è stata una “stortura”. Forse non a caso la notizia è stata data il giorno stesso in cui l’incontro si è tenuto. Il giorno dopo, nel corso della presentazione del mio libro “Eppur bisogna ardir. La Spezia partigiana 1943-1945”, abbiamo denunciato l’accaduto. Non si tratta di negare la libertà di opinione, che vale per tutti: ma l’inopportunità morale e politica della concessione di quella sala è evidente. Così come è stata inopportuna la presenza del Sindaco di Sarzana a un convegno sul ministro fascista Biggini.

Sono piccoli episodi che fanno riflettere. Perché la Repubblica sta oscurando le sue incontestabili origini antifasciste? Perché la Costituzione è così sotto attacco? Il tema è al centro del mio libro. Nel dopoguerra la memoria dell’antifascismo è stata trasmessa dai partiti: non ci sono riusciti fino in fondo, prima per le divisioni della “guerra fredda”, poi per l’identificazione tra “compromesso storico” e antifascismo, ma almeno ci hanno provato. Ora questa storia è finita. I partiti non ci sono più, o almeno quelli veri, radicati nel popolo. Che fare? Occorre ripartire dalle persone, dalle donne e dagli uomini semplici che hanno fatto la Resistenza, dalle loro testimonianze: raccontare il loro “ardir”, il loro coraggio morale è l’unico modo per restituire ai giovani l’eredità della Resistenza.

Lualdi si chiede in quale partito militi. In nessuno. Non ho mai creduto nel Pd, e anche per questo, finito il mio secondo mandato da Sindaco, rinunciai a ogni incarico e scelsi l’impegno sociale e culturale dal basso. Poi cercai di conciliarlo per qualche tempo con l’impegno in Sel, sperando che la sinistra potesse tornare. Ma mi illudevo. Tutti i contenitori esistenti sono consumati, le loro identità ancora di più. Come ha scritto il sociologo Luciano Gallino nel suo ultimo libro: “la sinistra è morta, insieme ai partiti che la divulgavano”. Anche per l’oggi quel che conta è ripartire dalle persone. Non è dall’alto dei poteri costituiti e dei partiti esistenti che possiamo pensare di migliorare le nostre vite. Sono i germogli che nascono nella società, spesso tra i più umili, quelli dove si trova talora la consapevolezza che manca altrove. E’ dal basso che sorgeranno i partiti del futuro.

Giorgio Pagano
Presidente dell’Associazione Culturale Mediterraneo

Popularity: 3%