La storia di una città unica raccontata dal suo ex Sindaco – di Sondra Coggio
26 Ottobre 2020 – 23:02 | No Comment

Il Secolo XIX, 23 ottobre 2020
<<la cosa che mi fa più piacere é che mi dicano che il primo volume del progetto “Un mondo nuovo, una speranza appena nata” non é solo un libro come …

Leggi articolo intero »
Crisi climatica e nuove politiche energetiche

Economia, società, politica: anticorpi alla crisi

Quale scuola per l’Italia

Religioni e politica

Ripensare il Mediterraneo un compito dell’Europa

Home » Noterelle e schermaglie, Il blog di Mastro Geppetto

Tra Shining e il peggio della Prima Repubblica

a cura di in data 17 Febbraio 2014 – 16:25Nessun commento

Il Blog di Mastro Geppetto – “Noterelle e schermaglie” – 17 febbraio 2014 – Il Governo Letta non era in grado di risolvere i problemi dell’Italia. Occorreva cambiare. Sono stato un suo oppositore fin dall’inizio, nessun rimpianto. Ma sono rimasto molto colpito dal modo in cui il cambiamento è avvenuto. Una crisi di governo è stata aperta e chiusa nella Direzione di un partito, mentre il Presidente del Consiglio sfiduciato, già vicesegretario di quel partito, assisteva alla sua liquidazione politica in televisione dal suo studio di Palazzo Chigi. Di più: Renzi ha liquidato Letta senza nessuna spiegazione politica, sociale, economica, personale. Se non quella che Alberto Asor Rosa ha definito “l’energizzazione vitalistica del processo”: Renzi sarebbe cioè più “energico”, “vitale” e, come si dice oggi, “veloce”, anzi “smart”, di Letta. Si potrebbe aggiungere: più “spettacolare”. Ho guardato a Renzi, nei mesi scorsi, sperando di trovare in lui quella libertà capace di scardinare le liturgie della vecchia nomenclatura. Mi ero illuso: ha resuscitato Berlusconi confezionando insieme a lui una legge elettorale molto simile al Porcellum, dimenticandosi della sentenza della Corte costituzionale, oltre che del conflitto di interessi; si appresta a entrare a Palazzo Chigi senza passare per il voto, con la stessa identica maggioranza che aveva Letta, e senza, per ora, un programma (Renzi ha parlato alla Direzione del Pd di “legislatura costituente”, ma il suo discorso è stato di una povertà impressionante); ha cacciato Letta in modo brutale, come non avevo mai visto fare. E’ una vicenda che spinge a ragionare sulla crisi sempre più profonda della democrazia rappresentativa. Ma anche sulla crisi sempre più profonda della buona educazione. “Questo gruppo dirigente dei Ds è il più maleducato d’Europa”, disse Peppino Caldarola, già direttore de L’Unità e allora deputato Ds, nel “Breviario” di Antonello Caporale su Repubblica (27 aprile 2007). Me lo ricordo bene perché stavo concludendo il mio mandato da Sindaco e per lasciare la politica “tradizionale”: meglio di così non si potrebbe dire, pensai. Ma con il Pd e con l’atto di Renzi abbiamo oltrepassato ogni soglia. Da una frattura così violenta cosa può venire di buono? Sarò all’antica, ma la democrazia è fatta anche di “forme” senza le quali essa degenera e finisce. Ed è fatta anche di rispetto delle persone. Sta prendendo il potere una generazione certamente “veloce”, intelligente e dinamica, ma anche fredda, astuta, perfida, spietata. Libera dai legami del passato: non esiste più la solidarietà del partito “comunità”, ma solo il rapporto personale. Quel che conta è l’identificazione con il leader: non si è più “democratici”, ma solo “renziani” (oppure “antirenziani”). Ha ragione Pippo Civati, che ha commentato la Direzione del Pd con queste parole: “Siamo a metà tra Shining e il peggio della Prima Repubblica”.

Popularity: 3%