Dal Sessantotto ai giorni nostri
13 Aprile 2021 – 21:34

Intervista di Fabio Lugarini a Giorgio Pagano sul secondo volume di “Un mondo nuovo, una speranza appena nata. Gli anni Sessanta alla Spezia ed in provincia”Città della Spezia, 3-4-5 aprile 2021
Partendo dalla lettura del secondo …

Leggi articolo intero »
Crisi climatica e nuove politiche energetiche

Economia, società, politica: anticorpi alla crisi

Quale scuola per l’Italia

Religioni e politica

Ripensare il Mediterraneo un compito dell’Europa

Home » Economia, società, politica: anticorpi alla crisi

Le speranze dei ribelli della Spezia

a cura di in data 2 Aprile 2021 – 21:43Nessun commento

Copertina

Giorgio Pagano e Maria Cristina Mirabello presentano due volumi sugli anni Sessanta in una città in cui la forza della classe operaia incrociava studenti e intellettuali

di DONATELLA ALFONSO
28 marzo 2021

Eh sì, Un mondo nuovo, una speranza appena nata non è soltanto uno dei versi conici di Dio è morto di Francesco Guccini, ma quello che sentivano potesse accadere ai ragazzi del Sessantotto, anche alla Spezia, angolo di provincia ligure, come altrove, in ogni angolo di un mondo in subbuglio. E così si intitola anche il secondo volume della monumentale raccolta di documenti, testimonianze e storie che Giorgio Pagano e Maria Cristina Mirabello hanno mandato in stampa (sempre per Edizioni Cinque Terre) facendo riferimento al periodo che va dalla Primavera di Praga all’Autunno caldo, ma in realtà anche molto dopo, nei primi anni Settanta che portano nell’estremo levante ligure – in particolare nei borghi delle Cinque Terre – un gran numero di artisti, poeti, registi e attori.

La provincia si è aperta al mondo, quindi, sperando che sia nuovo; ma intanto nel libro di Pagano e Mirabello, ammirevoli anche per la capacità di aver recuperato documenti, volantini, registrazioni di riunioni politiche in modo da cancellare ogni oblio di quel tempo irripetibile, nel quale peraltro la discussione, anche quando veniva portata agli eccessi, sembrava l’unica, necessaria strada per far uscire allo scoperto quel “nuovo” che tanto era atteso, tra lotte operaie e sindacali, scontri verbali e anche fisici.

A cosa serve un grande lavoro come questo? Giorgio Pagano, che è stato sindaco della Spezia per due mandati e poi protagonista sul campo di grandi iniziative di solidarietà in Africa, di almeno di una parte degli eventi raccontati nel libro è stato anche spettatore se non protagonista giovanissimo. E parte da un presupposto: che a forza di scrivere, se non proprio si trova una via, ci si è avvicinati: «Si tratta in ogni caso di idee per quel dialogo collettivo che ho sempre ricercato attraverso i libri».

Questo il link per la documentazione sulla presentazione online del Volume secondo di “Un mondo nuovo, una speranza appena nata. Gli anni Sessanta alla Spezia ed in provincia” (19 febbraio 2021)
Presentazione on-line del secondo volume di “Un mondo nuovo, una speranza appena nata” di Giorgio Pagano e Maria Cristina Mirabello

Popularity: 2%