Presentazione del primo Volume di “Un mondo nuovo, una speranza appena nata. Gli anni Sessanta alla Spezia ed in provincia” di Giorgio Pagano e Maria Cristina Mirabello – Giovedì 10 Settembre al parco della Maggiolina e Venerdì 11 al Cinquale di Montignoso
9 Settembre 2020 – 08:27 | No Comment

Il primo Volume del libro di Giorgio Pagano e Maria Cristina Mirabello “Un mondo nuovo, una speranza appena nata. Gli anni Sessanta alla Spezia ed in provincia” sarà presentato, nei prossimi giorni, alla Spezia, al …

Leggi articolo intero »
Crisi climatica e nuove politiche energetiche

Economia, società, politica: anticorpi alla crisi

Quale scuola per l’Italia

Religioni e politica

Ripensare il Mediterraneo un compito dell’Europa

Home » Economia, società, politica: anticorpi alla crisi

I moti del 1960 a Spezia

a cura di in data 12 Luglio 2020 – 09:54Nessun commento

Città della Spezia, Gazzetta della Spezia 1° luglio 2020 – Il 30 giugno 1960 centinaia di spezzini riempirono i treni e parteciparono alla grande manifestazione a Genova contro il Congresso del MSI -previsto dal 2 al 4 luglio al Teatro Margherita, a poche decine di metri dal Sacrario dei Caduti partigiani- e contro il Governo Tambroni, eletto ad aprile con i voti del MSI. Sfilarono con i gonfaloni la Provincia -ancora governata dalle sinistre, mentre in Comune si era già insediato il centrosinistra, uno dei primi in Italia- e i Comuni di Sarzana, Santo Stefano Magra e Arcola, presenti i Sindaci. Con loro c’erano tanti partigiani e giovani operai e studenti con le magliette a strisce, allora di moda.
Alla Spezia la CGIL proclamò lo sciopero generale per il 1° luglio, CISL e UIL lasciarono i loro iscritti liberi di aderire. Alla manifestazione ai Giardini i partecipanti vennero violentemente caricati dalla polizia. Marco Manciulli aveva sedici anni:
“Era la mia prima manifestazione. La partecipazione fu davvero imponente. Poi iniziarono pesanti cariche immotivate. Abitavo in via Piave, mentre correvo per rifugiarmi a casa vedevo i poliziotti che picchiavano i manifestanti in via Veneto, dentro i portoni”.

Per il 2 luglio era stato programmato un altro sciopero, poi revo¬cato per la sospensione del Congresso missino. Nel pomeriggio si tenne una manifestazione delle sinistre ai Giardini. Alla sera il Consiglio Comunale approvò, ad esclusione del MSI, l’ordine del giorno predisposto dal Comitato della Resisten¬za, che chiedeva l’attuazione del divieto costituzionale di ricostituzio¬ne del partito fascista. Domenica mattina 3 luglio si tenne una manifestazione indetta dal Comitato della Resistenza, al Teatro Civico. Intervennero il Sindaco, il democristiano Federici, e il Presidente della Provincia, il comunista Ga¬lantini, introdotti dal partigiano liberale Fortelli. Tutti chiesero lo scioglimento del MSI.
Tambroni cercò di riaffermare la sua autorità dando alla polizia la possibilità di sparare in “situazioni di emergenza”. Il 5 luglio furono uccisi cinque giovani operai a Reggio Emilia. L’8 luglio la CGIL proclamò lo sciopero generale, che fu imponente anche a Spezia. La manifestazione si tenne ai Giardini, la polizia non caricò.
La maggioranza della DC costrinse Tambroni alle dimissioni il 22 luglio. L’antifascismo divenne da allora parte integrante della cultura egemone, un orientamento fortemente radicato nell’opinione pubblica.

Emerse in quei giorni, anche a Spezia, una nuova generazione, così descritta dallo storico Agostino Giovagnoli: “Erano le avanguardie di un’Italia povera, fortemente motivata a uscire da condizioni di miseria secolare, in cui rabbia sociale e aspirazione al benessere apparivano fuse in un’unica spinta esi-stenziale”.
Una nuova generazione che diede nuova linfa ai partiti democratici. Molti protagonisti della vita politica spezzina dell’ultima fase del Novecento cominciarono proprio allora le loro esperienze: non solo nel PCI, ma anche nel PSI e nella DC.

Sia Fanfani che Moro ribadirono la inconciliabilità tra DC e neofascismo: bisognava respingere il comunismo senza identificarsi con un “blocco nazionale” di destra, comprendente il MSI. Il 1960 spinse la DC alla prospettiva del centrosinistra. Nata alla Spezia, la formula si impose in tutto il Paese.
Il luglio 1960 fu dunque una “rottura storica” rispetto al quindicennio precedente, agli anni della discriminazione delle sinistre. Ma si creò una nuova divisione: a sinistra, tra PCI e PSI. Presto, però, il centrosinistra esaurì la sua carica riformatrice. Non si fermò, invece, la spinta dei giovani e degli operai, che proseguì fino alla “rottura storica” del 1968-1969. Concilio Vaticano II, Beat generation, generazione del Vietnam: tutto fu influenzato dalla “rottura” precedente. Il 1968-1969 fu dunque preparato dai moti del 1060. Alla radice di entrambe le “rotture” ci fu una rivolta etica per la fratellanza, intesa come sintesi tra eguaglianza e libertà.

Giorgio Pagano
già Sindaco della Spezia, autore con Maria Cristina Mirabello di “Un mondo nuovo, una speranza appena nata. Gli anni Sessanta alla Spezia e in Provincia”

Popularity: 3%