Lunedì 19 Agosto ore 21.30 all’Arena Cinema Astoria di Lerici proiezione del film “Tutti pazzi a Tel Aviv”
10 agosto 2019 – 09:06 | No Comment

Tutti pazzi a Tel Aviv
Lunedì 19 agosto ore 21,30
Arena Cinema Astoria Lerici
L’Associazione Culturale Mediterraneo ed il Cinema Il Nuovo organizzano, lunedì 19 agosto alle ore 21,30 all’Arena Cinema Astoria di Lerici, la proiezione del film …

Leggi articolo intero »
Crisi climatica e nuove politiche energetiche

Economia, società, politica: anticorpi alla crisi

Quale scuola per l’Italia

Religioni e politica

Ripensare il Mediterraneo un compito dell’Europa

Home » Interventi La Nazione

L’ambiente e la sanità sono il nostro Morandi

a cura di in data 12 giugno 2019 – 21:18Nessun commento

La Nazione 7, giugno 2019 – La situazione ambientale e sanitaria a Spezia è molto preoccupante. Serve una mobilitazione che prescinda dalle appartenenze partitiche. Quando sono in gioco gli interessi fondamentali di una comunità, occorrono l’impegno personale di ciascuno e l’unità più ampia.
L’Enel ha cambiato parere: la centrale a carbone non sarà più dismessa ma riconvertita a gas. Il futuro dell’energia è nelle fonti rinnovabili, ma capisco che in una fase di transizione ci sia bisogno del gas. Mi domando però: perché proprio a Spezia, che dal 1962 ha una centrale a carbone in pieno centro urbano? La proposta dell’Enel va combattuta non in nome della tesi “non nel mio giardino”, ma in nome della tesi della peculiarità del sito. L’ex Presidente dell’Enel Franco Corbellini disse negli anni Ottanta: “Oggi non costruiremmo certamente una centrale in un sito come quello spezzino, in mezzo alle case”. Il ragionamento vale anche per una centrale a gas, che è pur sempre inquinante: emette ossido di azoto e ammoniaca, che sono cancerogeni.
Tutto ciò in un contesto complessivo in cui le fonti inquinanti aumentano. Le navi da crociera sono delle ciminiere: una bomba ambientale che emette polveri, ossidi di zolfo, azoto. Siamo il quinto porto più inquinato d’Italia, e la previsione è di un forte aumento.

In questa situazione bisogna battersi per diminuire il più possibile le emissioni inquinanti ma anche per un sistema sanitario di qualità, che prevenga e curi le malattie di origine ambientale. La nostra ASL è la più deprivata di risorse di tutta la Liguria: ha 100 dipendenti ogni 10.000 abitanti, contro i 155 della media regionale; e 380 posti letto in meno rispetto alle norme di legge, che ne prevedono 3,7 ogni 10.000 abitanti. L’Ospedale è dimezzato: il vecchio Felettino è stato abbattuto, ma la costruzione del nuovo Ospedale è ferma da un anno e mezzo. Ancora: sette strutture complesse sono senza primario da molti anni.

La situazione è davvero grave: ambiente e sanità sono il nostro “ponte Morandi”. E’ il momento di farci sentire come cittadini. Spezia deve essere una comunità, con una classe dirigente coesa sui grandi temi di fondo. Ecco perché venerdì sarò in piazza Beverini, alla manifestazione indetta da tante associazioni. Se non ora quando?

Giorgio Pagano
Cooperante, già Sindaco della Spezia

Popularity: 3%