Presentazione di “Sebben che siamo donne. Resistenza al femminile in IV Zona Operativa, tra La Spezia e Lunigiana” di Giorgio Pagano e Maria Cristina Mirabello – Venerdì 14 Settembre ore 21 a Varese Ligure
3 settembre 2018 – 14:52 | No Comment

Presentazione di “Sebben che siamo donne. Resistenza al femminile in IV Zona Operativa, tra La Spezia e Lunigiana“di Giorgio Pagano e Maria Cristina MirabelloVenerdì 14 Settembre ore 21 a Varese LigureSala del Castello
Il libro di …

Leggi articolo intero »
Crisi climatica e nuove politiche energetiche

Economia, società, politica: anticorpi alla crisi

Quale scuola per l’Italia

Religioni e politica

Ripensare il Mediterraneo un compito dell’Europa

Home » Il Secolo XIX locale, Rubrica Punti di vista

Cassego, i cinquantanni del doposcuola

a cura di in data 11 settembre 2018 – 11:20Nessun commento

Il Secolo XIX locale, 4 settembre 2018 – Il 4 luglio 1968don Sandro Lagomarsini, sarzanese, diventò parroco di Cassego, nelle montagne della Val di Vara.Iniziò subito il doposcuola, con l’aiuto di alcuni amici. “Abbiamo aiutato prima alcuni rimandati a settembre, poi abbiamo preparato i giovani alla licenza media, necessaria per andare a lavorare”, racconta. Il doposcuola, da allora, è stato frequentato -a tempo pieno o solo nel pomeriggio- da alcune centinaia di ragazzi, molti dei quali si sono ritrovati sabato a Cassego per la Festa dei cinquant’anni.

“Quelli che fanno i contadini non hanno bisogno di studiare”, diceva una maestra del tempo a Varese Ligure. Anche molti genitori dei ragazzi la pensavano così. Don Sandro, sulla scia dell’esperienza di don Milani a Barbiana,convinse a poco a poco una comunità che era giusto cambiare, restituendo alla scuola il suo ruolo costituzionale di lotta alle diseguaglianze. Sabato c’era anche Mauro, alunno fin dal ‘68: “E’ un’esperienza che ha cambiato la mia vita -racconta- senza la quale non ce l’avrei fatta a trovare un lavoro e a farmi una famiglia”.

Don Sandro lottò per una scuola diversa anche manifestando contro le bocciature nelle elementari: erano in 14 una mattina del 1970in piazza con i cartelli a Varese, tra lo stupore generale. Mai come in quel periodo la scuola italiana visse un fermento così diffuso sul piano della revisione della pedagogia e dei sistemi di insegnamento.Il doposcuola di Cassego ne fu parte integrante, come dimostrano i servizi giornalistici di allora e i rapporti con intellettuali come Franco Fortini e Mario Lodi, il grande maestro di Piadena.
Don Sandro, al funerale di Lodi, nel 2014, ricordò un episodio del Vangelo che per lui èil modello per il lavoro di ogni educatore. Gesù viene chiamato per guarire una bambina malata, quando arriva lei è già morta, lui pronuncia solo due parole: “Talita, kum!”. Significa semplicemente “Bambina, alzati!”. Ma Gesùha usato il dialetto della bambina e si è messo talmente in sintonia con la sua realtà profonda da riportarla alla vita.

Come Lodi, don Sandro ha sempre cercato la verità nelle relazioni umane, nella mente e nel cuore dei ragazzi. Da ultimo l’ha fatto con Diarra Ismael, rifugiato del Mali: “Don Sandro mi ha insegnato l’italiano, ma soprattutto mi ha trasmesso la voglia di imparare”, racconta. Ismael ha studiato, oggi lavora nel porto. Grazie don Sandro, per questi cinquant’anni e per quelli che verranno.

Giorgio Pagano
Cooperante, già Sindaco della Spezia

Popularity: 2%