Presentazione di “Sebben che siamo donne. Resistenza al femminile in IV Zona Operativa, tra La Spezia e Lunigiana” di Giorgio Pagano e Maria Cristina Mirabello – Mercoledì 12 Dicembre ore 17 a Riccò del Golfo, Aula consiliare
11 dicembre 2018 – 09:52 | No Comment

Presentazione di “Sebben che siamo donne. Resistenza al femminile in IV Zona Operativa, tra La Spezia e Lunigiana”
di Giorgio Pagano e Maria Cristina Mirabello
Mercoledì 12 Dicembre ore 17
Riccò del Golfo, Aula consiliare
Il libro di Giorgio …

Leggi articolo intero »
Crisi climatica e nuove politiche energetiche

Economia, società, politica: anticorpi alla crisi

Quale scuola per l’Italia

Religioni e politica

Ripensare il Mediterraneo un compito dell’Europa

Home » Economia, società, politica: anticorpi alla crisi

Carlo Galli presenta “Democrazia senza popolo”. Martedì 27 Marzo ore 17 Urban Center

a cura di in data 22 marzo 2018 – 21:00Nessun commento
Invito per il 23 e 27 marzo

Invito per il 23 e 27 marzo

Carlo Galli presenta “Democrazia senza popolo
Martedì 27 Marzo ore 1 Urban Center

L’Associazione Culturale Mediterraneo organizza, martedì 27 marzo alle ore 17 all’Urban Center, la presentazione del libro di Carlo Galli “Democrazia senza popolo”. L’autore, tra i maggiori studiosi italiani della politica, insegna Storia delle Dottrine Politiche all’Università di Bologna ed è stato membro del Parlamento uscente.
Il tema del libro è: “Può un professore, oggi, essere anche un politico? Come può conciliarsi il linguaggio rigoroso delle aule accademiche con quello allusivo, sfuggente ma anche più emotivo, della politica contemporanea?

In effetti non può; fra i due linguaggi resta una distanza, tanto più avvertibile quanto più la stessa persona è sia uno studioso, sia un politico. E da questa distanza proviene l’efficacia del racconto di Carlo Galli, lo “sguardo di un intellettuale che si sforza di capire la politica reale”. Un’analisi che sceglie di gettare luce sulla politica italiana con un mezzo ormai desueto e perciò provocatorio: non un tweet o un post su Facebook, ma un libro.

Dalla Camera dei Deputati, e con gli occhi del filosofo della politica, Galli racconta quasi quattro anni di legislatura, dalle elezioni politiche del 2013 al referendum costituzionale del 2016. Il ruolo crescente del Movimento 5 Stelle, la radicalizzazione della Lega di Salvini, l’avvento di Renzi e la trasformazione del Pd fino all’esito del referendum costituzionale sono le tappe di una narrazione riflessiva che decifra la storia in tempo reale e unisce i fatti in un percorso dotato di senso. E spiega perché la politica italiana sta andando incontro a una profonda metamorfosi. Come anche altri Paesi europei, secondo Galli l’Italia assomiglia sempre meno a una democrazia. Le istituzioni del sistema rappresentativo rimangono apparentemente intatte, mentre si svuotano della loro funzione e sono superate dal populismo che viene sia dall’alto, sia dal basso. La democrazia si deforma così in una post-democrazia e rischia di diventare una pseudo-democrazia.

“Mai come oggi -sostiene l’autore- la pretesa che la politica abbia un rapporto con una qualche elaborazione di pensiero è vilipesa e derisa. Mai come oggi la politica è tutta centrata sul fare e per nulla sul pensare. I risultati sono il discredito, la cecità, l’impotenza della democrazia. Semmai, è interessante ricercare le cause: che è appunto quanto si cerca qui di fare”.

Galli discuterà del libro con Mauro Barberis, docente di Diritto all’Università di Trieste.

L’iniziativa fa parte del ciclo “Economia, società, politica: anticorpi alla crisi”.


La presentazione del libro “Democrazia senza popolo” di Carlo Galli, organizzata all’Urban Center dall’Associazione Culturale Mediterraneo, è stata l’occasione per una riflessione e un confronto sulle grandi novità politiche emerse con le elezioni del 4 marzo.
Giorgio Pagano, Presidente dell’Associazione, ha preso in esame i capisaldi del libro di Galli: la crisi della politica è innanzitutto dovuta alla mancanza di cultura, intesa come interpretazione e lettura della società, una mancanza che ha comportato la subalternità della politica all’economia e la verticalizzazione del comando a scapito della partecipazione democratica. In una parola: la “post democrazia”. Il giudizio di Galli sulla sinistra, e sulla sconfitta di Bersani nelle elezioni del 2013, secondo Pagano è valido anche per spiegare la catastrofe di Renzi nel 2018: “una lettura economica neoliberista della crisi, non una lettura sociale, con la conseguenza del profondo distacco degli operai, dei giovani, dei più poveri da un Pd concepito come successore di Berlusconi”. “Anche le forze di sinistra sono state sconfitte -ha aggiunto- “perché sono state viste come parte del sistema”: “sono infatti prive di un’analisi capace di mettere in discussione il modello politico ed economico dominante”. Pagano ha concluso ponendo due questioni chiave: “la necessità per la sinistra di riconnettersi a radici sociali, ritornando a battersi per la libertà e la dignità del lavoro in tutte le sue forme”, e “la riconsiderazione del tradizionale europeismo della sinistra, in una fase in cui il rischio è una nuova austerity, dopo i tanti guai combinati dal 2008 a oggi”.
Per Mauro Barberis, docente di Diritto all’Università di Trieste, “è arrivata un’altra forma di vita: non ci saranno più i giornali, il negozio sotto casa e presto nemmeno i centri commerciali, la cultura alta, il lavoro, la politica come l’abbiamo conosciuta”. “La politica si svuota dall’interno -ha aggiunto- e diventa intrattenimento del popolo, mentre i tecnici al servizio dell’Europa gestiscono il potere”.
Infine l’autore. “La sinistra -ha affermato Galli- non legge la società e non ascolta il grido di dolore dei molti che hanno poco: è la fine del grande ciclo progressista aperto dalla sconfitta del nazismo, dai partiti di massa, dallo Stato sociale, dalla lotta tra destra e sinistra”. Il M5S, ha aggiunto, “ha per certi versi ragione a dire che non c’è differenza tra destra e sinistra perché la sinistra è da 25 anni che fa cose di destra… è crollato il ceto politico post berlingueriano, che non ha capito che la globalizzazione è il male, e che ha pensato che il neoliberismo fosse di sinistra e che il lavoro fosse una variabile irrilevante”. Ora, ha concluso lo studioso, “se M5S e Lega sono intelligenti governano per poco tempo e fanno la riforma della legge elettorale… le elezioni saranno uno scontro bipolare e il Pd sarà distrutto… Renzi spera che Di Maio e Salvini si facciano male e che la gente rivoti Pd, ma si sbaglia: il Pd morirà, perché non c’è più spazio per un partito ‘liberal’ che vuole limitarsi ad accompagnare la globalizzazione… può esistere un capitalismo senza sinistra… la sinistra per rinascere deve fare un’analisi così radicale e profonda per cui non è preparata, perché non c’è più un ceto politico di sinistra”.

Popularity: 3%