“My name is Adil” al cinema Il Nuovo, Martedì 24 – Mercoledì 25 – Giovedì 26 ottobre ore 16
20 ottobre 2017 – 08:09 | No Comment

“MY NAME IS ADIL”
Al cinema “Il Nuovo”
Martedì 24 – Mercoledì 25 – Giovedì 26 ottobre ore 16
L’Associazione Culturale Mediterraneo organizza, in collaborazione con il Cinema Il Nuovo, la proiezione del film di Adil Azab, Andrea …

Leggi articolo intero »
Crisi climatica e nuove politiche energetiche

Economia, società, politica: anticorpi alla crisi

Quale scuola per l’Italia

Religioni e politica

Ripensare il Mediterraneo un compito dell’Europa

Home » Ripensare il Mediterraneo un compito dell'Europa

“Libere disobbedienti innamorate” Martedì 1° Agosto ore 21,30 Arena La Pinetina e Lunedì 7 Agosto ore 21:30 Arena Astoria

a cura di in data 21 luglio 2017 – 06:38Nessun commento
Locandina del film

Locandina del film

LIBERE DISOBBEDIENTI INNAMORATE
Martedì 1° agosto ore 21,30 Arena La Pinetina La Spezia
Lunedì 7 agosto ore 21,30 Arena Astoria Lerici

L’Associazione Culturale Mediterraneo e Il Cinema Il Nuovo organizzano, martedì 1° agosto alle ore 21,30 all’Arena La Pinetina La Spezia e lunedì 7 agosto alle ore 21,30 all’Arena Astoria Lerici, la proiezione del film “Libere disobbedienti innamorate”, della regista palestinese Mayasaloun Hamoud.

La proiezione era prevista per martedì 11 luglio all’Arena La Pinetina ma non è stata effettuata per motivi tecnici ed è stata sostituita dalla proiezione di un altro film. Per dare la possibilità ai tanti presenti di poter vedere “Libere disobbedienti innamorate” gli organizzatori hanno previsto due date, non solo alla Spezia ma anche a Lerici.

Il film è la storia di tre ragazze palestinesi che condividono un appartamento a Tel Aviv. Donne che cercano di vivere la loro quotidianità in una realtà complessa, che raramente viene raccontata al cinema. Maysaloun Hamoud si è armata di coraggio ed è entrata nell’ombelico di Tel Aviv, in quella parte della città che ribolle di cultura underground dove vivono queste ragazze, diverse e nello stesso tempo unite di fronte a una società araba patriarcale che le giudica e le umilia. Leila è un avvocato penalista che preferisce la singletudine al fidanzato, rivelatosi presto ottuso e conservatore, Salma è una dj stigmatizzata dalla famiglia cristiana per la sua omosessualità, Noor è una studentessa musulmana osservante originaria di Umm al-Fahm, città conservatrice e bastione del movimento islamico. Noor è fidanzata con Wissam, fanatico religioso anaffettivo che non apprezza l’emancipazione delle coinquiline della futura sposa. Ostinate e ribelli, Leila, Salma e Noor faranno fronte comune contro le discriminazioni.

“Un inno alla solidarietà femminile”, così è stato definito il film, che è anche, dice la regista, “un invito a tutte le donne a emanciparsi dalla società maschilista in cui viviamo.


Dopo il grande successo della proiezione all’arena La Pinetina della Spezia, l’Associazione Culturale Mediterraneo e Il Cinema Il Nuovo organizzano anche a Lerici, lunedì 7 agosto alle 21,30 all’arena Astoria, la proiezione del film “Libere disobbedienti innamorate”, della regista palestinese Mayasaloun Hamoud.

“Libere disobbedienti innamorate” è una finestra su un mondo israeliano-palestinese che non conoscevamo prima. Un mondo dove le donne possono bere, fumare, vestirsi come vogliono, essere avvocati di successo o dj o ingegneri. Donne che amano la vita e amano amare. Donne che giocano col proprio corpo e scoprono la sessualità. Tutto questo viene, però, pagato al caro prezzo del continuo confronto, paragone, insensato giudizio di regole obsolete che fanno fatica a cadere.

Pregno di una forza derivante solo dalla realtà, “Libere disobbedienti innamorate” ci porta nel mondo delle tre protagoniste. Non è facile essere Laila (avvocatessa di successo emancipata), così come non è semplice essere Salma (dj e barista lesbica con una famiglia fortemente tradizionalista), e non è per niente facile essere Nour (studentessa modello e con una relazione a senso unico, destinata a diventare un matrimonio senza futuro); eppure, a ogni caduta si rialzano. Non si arrendono. Combattono, pronte a mettersi contro tutto e contro tutti. Dicono no alla paura. Ed è esattamente quello che vuole trasmettere con la sua pellicola Maysaloun Hamoud. Andare ben oltre la semplice storia, ed aprire uno squarcio nella testa degli spettatori. Portare luce su una realtà molto diversa da come la si potrebbe immaginare e spingere, inspirare, sempre più giovani donne a vivere la vita come e quando piace a loro.

Popularity: 8%