Giorgio Pagano presenta il libro e la mostra fotografica “Sao Tomé e Principe – Diario do centro do mundo” a Massarosa al Antico Opificio La Brilla, Sabato 19 agosto ore 18
14 agosto 2017 – 22:56 | No Comment

Giorgio Pagano presenta il libro e la mostra fotografica
“Sao Tomé e Principe – Diario do centro do mundo”
Massarosa
Antico Opificio La Brilla
Porta del Parco Migliarino – San Rossore – Massaciuccoli
Sabato 19 agosto ore 18
Sabato 19 agosto …

Leggi articolo intero »
Crisi climatica e nuove politiche energetiche

Economia, società, politica: anticorpi alla crisi

Quale scuola per l’Italia

Religioni e politica

Ripensare il Mediterraneo un compito dell’Europa

Home » Quale scuola per l'Italia

“I caratteri di una scuola democratica oggi” Marco Rossi-Doria al CAMeC Giovedì 20 aprile ore 17,30

a cura di in data 18 aprile 2017 – 21:20Nessun commento
Invito 20 aprile

Invito 20 aprile

I caratteri di una scuola democratica oggi
MARCO ROSSI-DORIA AL CAMeC
Giovedì 20 aprile ore 17,30

L’Associazione Culturale Mediterraneo organizza, giovedì 20 aprile alle ore 17,30 al CAMeC (piazza Battisti, 1), un incontro sul tema “I caratteri di una scuola democratica oggi”, al quale interverrà Marco Rossi-Doria, maestro di strada ed esperto di politiche educative e sociali. Secondo Rossi-Doria in Italia si deve parlare di “fallimento formativo”, da attribuire a quattro concause: alti tassi di analfabetismo funzionale nell’insieme della popolazione adulta; alti tassi di abbandoni scolastici uniti a molte ripetenze; alto numero di ragazzi con bassi livelli nelle conoscenze oggi irrinunciabili ai fini dello sviluppo sociale e personale nonché per esercitare la cittadinanza; forte presenza della povertà minorile. Questo carattere strutturale del “fallimento formativo” acquista ancora più peso per lo squilibrio demografico dell’Italia: facciamo pochi figli e ancora troppi di questi non finiscono scuola né formazione. Sono quasi sempre i figli di genitori poveri.
La nostra scuola, sostiene Rossi-Doria, è debole nell’esercitare la sua decisiva funzione democratica di ascensore sociale. La “via per l’inclusione” passa per misure di contrasto alla povertà in generale e di promozione della scolarità dei bambini, a partire dal compimento dell’obbligo. Rossi-Doria propone di investire nell’edilizia scolastica, di aumentare fortemente gli asili nido e i servizi alla prima infanzia, di porre come centrale la didattica laboratoriale e di aprire un’ampia discussione pubblica sui nodi irrisolti del sistema scolastico italiano che hanno avuto e hanno un’influenza profonda sul “fallimento formativo”: in particolare riconsiderare i cicli di istruzione con attenzione allo snodo tra scuola media e biennio del successivo obbligo.


“Le analisi e le proposte sulla scuola di Marco Rossi-Doria sono sempre una boccata di ossigeno… oggi la questione centrale è quella da lui posta, il come realizzare una scuola dell’inclusione che combatta la povertà educativa e recuperi la sua funzione di ‘ascensore sociale’ contro le diseguaglianze”: con queste parole Gianluca Solfaroli, vicepresidente dell’Associazione Culturale Mediterraneo, ha introdotto il relatore dell’iniziativa “I caratteri di una scuola democratica oggi”.

Rossi-Doria, maestro di strada ed esperto di politiche educative e sociali, amico da lungo tempo dell’Associazione (fu relatore della sua prima iniziativa, il 3 novembre 2008), non ha deluso le attese, con una relazione che ha molto coinvolto il pubblico presente, in gran parte formato da insegnanti. “Oggi c’è un brutto clima contro la scuola inclusiva e democratica, sono usciti articoli per il ritorno della scuola di élite, contro don Milani e a favore della professoressa con cui il prete polemizzava… si vuole buttare a mare una stagione in cui la scuola italiana e tutto il Paese hanno fatto grandi passi in avanti… ma è possibile, sia pure faticosamente, tenere insieme due cose, avere cioè una scuola al contempo accogliente e rigorosa”. Il problema, ha continuato il maestro, è che “le grandi forze politiche di destra e di sinistra non si occupano di scuola e hanno lasciato il dibattito pubblico a due correnti, la rivendicazione degli insegnanti e l’assenza di riflessione sull’educazione e la didattica oggi”. Sugli insegnanti Rossi-Doria ha detto: “Hanno ragioni da vendere: sono pagati male, fanno supplenza ai limiti della società e della famiglia, hanno subito, con i governi di destra, una decurtazione di oltre 8 miliardi l’anno… eppure la scuola è l’unico luogo repubblicano funzionante in Italia… da qui un senso di frustrazione e di fatica, anche perché gli insegnanti non hanno rappresentanza politica, culturale e sindacale”. Questa l’analisi sui temi dell’educazione e della didattica: “Dobbiamo tener conto di tanti fattori: l’invecchiamento demografico, il fatto che la maggior parte dei bambini non hanno fratelli e che sono iperprotetti da genitori, nonni, zii, quindi non più abituati quando vanno a scuola a conoscere l’altro e le regole… il venir meno della vita sociale di strada, l’isolamento in casa davanti a tv e computer, e quindi il fatto che ora si va a scuola, a differenza del passato, per stare bene insieme… è chiaro che in questa situazione la vecchia scuola basata su interrogazioni e compiti non regge più”. “L’educazione -ha concluso- oggi è un altro mestiere, non bisogna abrogare la disciplina ma soprattutto fare apprendimento da 0 a 16 anni, per poi studiare per problemi… e non bisogna insegnare le stesse cose a tutti, per cui serve un tempo pieno intelligente… occorre ridare l’onore agli insegnanti, premiare le scuole laboratoriali e inclusive, non fare riforme per 25 anni”. E la politica “dovrebbe istruire questa grande discussione pubblica”.


Clicca qui per leggere un intervento di Marco Rossi-Doria

Popularity: 4%