Presentazione di “Sebben che siamo donne. Resistenza al femminile in IV zona operativa, tra La Spezia e Lunigiana”, di Giorgio Pagano e Maria Cristina Mirabello, Venerdì 15 Dicembre ore 17 Centro Allende
8 dicembre 2017 – 18:30 | No Comment

Presentazione di “Sebben che siamo donne. Resistenza al femminile in IV zona operativa, tra La Spezia e Lunigiana“,
di Giorgio Pagano e Maria Cristina Mirabello,
Venerdì 15 Dicembre ore 17 Centro Allende
Venerdì 15 dicembre alle 17 al …

Leggi articolo intero »
Crisi climatica e nuove politiche energetiche

Economia, società, politica: anticorpi alla crisi

Quale scuola per l’Italia

Religioni e politica

Ripensare il Mediterraneo un compito dell’Europa

Home » Il Secolo XIX locale

Al plebiscito di Renzi si risponde con il no

a cura di in data 24 novembre 2016 – 09:37Nessun commento

Il Secolo XIX, 18 novembre 2016 – I sostenitori del No al referendum non sono un’alleanza di governo ma uno schieramento costituzionale composto da soggetti politici e forze civiche con storie, valori e obbiettivi diversi, come è giusto che sia quando si parla di Costituzione. La Costituzione, infatti, è una cosa e il governo un’altra. Perché la Carta è di tutti, mentre l’esecutivo rappresenta solo la maggioranza del momento. Nello schieramento costituzionale ha un forte ruolo la sinistra, a differenza di quanto ha scritto Luca Basile. Sono molto critico verso la sinistra, sia interna che esterna al Pd: ha fatto molti errori e deve ripensare se stessa alla radice.Guardo con simpatia e con vigilanza critica al M5S, che pur con tutti i suoi difetti è un movimento che esprime una richiesta giusta di rinnovamento della politica, e che dello schieramento costituzionale è parte decisiva. Ma apprezzo anche il segno rilevante che ha voluto darvi la sinistra.

A Spezia lo testimonia il Civico gremito per D’Alema, così come la presenza sul palco di due dirigenti del Pci come Aldo Giacché e Sandro Bertagna. Figure emblematiche, come quella di Luigia Cordati Rosaia. Non è vero, come dice Basile, che “nelle file del Sì si sono schierati non tutti ma certo molti dei più vecchi esponenti della tradizione del comunismo italiano”. Non avviene né a Spezia né in Italia, a parte Napolitano.Tortorella e Reichlin non hanno avuto esitazione a negare il sostegno a un plebiscito.Lo stesso Macaluso, il dirigente più vicino a Napolitano, ha lanciato un segnale pesante di dissenso: la scheda bianca. Si recupera così il filo rosso della cultura costituzionale del Pci ma anche di Dc e Psi, come dimostrano le posizioni di De Mita e Formica, e a Spezia di Pino Ricciardi e Angelo Landi.

Al plebiscito, voluto dal leader di un partito che ha perso le elezioni e che governa solo grazie ad altri partiti, creati da voltagabbana,che non si sono presentati alle elezioni,si risponde necessariamente con il no, a prescindere dai contenuti della riforma. Che sono comunque sbagliati: perché trasformano la democrazia parlamentare in democrazia del premier, mantengono il bicameralismo rendendolo più complicato e riducono i poteri delle autonomie locali.

Giorgio Pagano
dirigente dell’Anpi

Popularity: 3%