Presentazione di “Sebben che siamo donne. Resistenza al femminile in IV zona operativa, tra La Spezia e Lunigiana”, di Giorgio Pagano e Maria Cristina Mirabello, Venerdì 15 Dicembre ore 17 Centro Allende
8 dicembre 2017 – 18:30 | No Comment

Presentazione di “Sebben che siamo donne. Resistenza al femminile in IV zona operativa, tra La Spezia e Lunigiana“,
di Giorgio Pagano e Maria Cristina Mirabello,
Venerdì 15 Dicembre ore 17 Centro Allende
Venerdì 15 dicembre alle 17 al …

Leggi articolo intero »
Crisi climatica e nuove politiche energetiche

Economia, società, politica: anticorpi alla crisi

Quale scuola per l’Italia

Religioni e politica

Ripensare il Mediterraneo un compito dell’Europa

Home » Economia, società, politica: anticorpi alla crisi

Le ragioni del sì e del no al Referendum Costituzionale: è possibile la rinascita di uno “spirito costituente”? Venerdì 11 Novembre al Centro Allende dialogo Chiti-Pagano

a cura di in data 7 novembre 2016 – 21:18Nessun commento
Invito

Invito

Le ragioni del sì e del no al Referendum Costituzionale:
E’ possibile la rinascita di uno “spirito costituente”?
Dialogo tra Vannino Chiti e Giorgio Pagano,
Venerdì 11 Novembre ore 17 al Centro Allende

Vannino Chiti, senatore del Pd, e Giorgio Pagano, presidente dell’Associazione Culturale Mediterraneo, saranno i protagonisti dell’iniziativa “Le ragioni del sì e del no al referendum costituzionale: è possibile la rinascita di uno ‘spirito costituente’?”, che si terrà venerdì 11 novembre alle ore 17 al Centro Allende, per iniziativa dell’Associazione Culturale Mediterraneo.

Per un Paese la Costituzione è il riferimento comune, una carta d’identità di principi e valori in cui tutti si riconoscono. E’ il “terreno comune” su cui si può e si deve svolgere il dialogo politico e sociale. Oggi, invece, la Costituzione non è più guardata come tale. Nel pieno conflitto sulla modifica Renzi-Boschi, ciascuna delle parti finisce per identificarsi con una sua propria Costituzione. E’ possibile, invece, che il confronto non scivoli nella delegittimazione dell’avversario e non perda di vista il “terreno comune”? Se le Costituzioni hanno bisogno di legittimazione, e tutti i cittadini vi si dovrebbero riconoscere, come evitare che prevalga, invece, una logica divisiva? A queste domande risponderanno, dialogando tra loro, senza moderatori, Chiti, sostenitore del sì, e Pagano, sostenitore del no.

Nell’occasione l’Associazione Culturale Mediterraneo festeggerà i suoi 8 anni di attività. La prima iniziativa si tenne infatti il 3 novembre 2008: da allora si sono tenute 218 iniziative, con oltre 20.000 presenze.


 

Vannino Chiti, senatore del Pd, e Giorgio Pagano, nella veste di dirigente dell’Anpi, sono stati i protagonisti dell’iniziativa “Le ragioni del sì e del no al referendum costituzionale: è possibile la rinascita di uno ‘spirito costituente’?”, che si è tenuta venerdì 11 novembre alle ore 17 al Centro Allende, per iniziativa dell’Associazione Culturale Mediterraneo.

Secondo Pagano “la Costituzione non è una legge qualunque, è il patto che unisce i cittadini”, e “non può essere approvata a maggioranza semplice, da un Parlamento non eletto con sistema proporzionale e, per di più, con una legge, il Porcellum, dichiarata incostituzionale”. Nel merito Pagano ha criticato il combinato disposto Italicum-riforma costituzionale, che “incide profondamente sull’equilibrio dei poteri indebolendo il peso complessivo dei pesi e contrappesi e modifica quindi la forma di governo, da parlamentare e orizzontale a plebiscitaria e verticale”. Altro punto criticato da Pagano il nuovo Senato: “Il bicameralismo resta, ma fare le leggi diventa più complicato, perché si passa da 1 a 10 diversi procedimenti, a molti dei quali può o deve partecipare il Senato”. E poi: “Io ho fatto il Sindaco, vi garantisco che è impossibile fare bene nel contempo il Sindaco, ma vale anche per il consigliere regionale, e il Senatore”.

Per Chiti, invece, la proposta di riforma “dà alla sola Camera il potere di votare la fiducia” e “consente al Parlamento di diventare più efficiente e di fare le leggi più velocemente”. Chiti ha inoltre spiegato che, grazie a una sua proposta, per cui c’è bisogno di una legge, “non viene tolto il potere elettivo dei senatori ai cittadini”. Si creano inoltre nuovi strumenti di democrazia diretta e si potenziano quelli esistenti, anche se tutto è demandato a leggi attuative. Chiti ha anche rivendicato la bontà del recente documento del Pd che propone di modificare l’Italicum. Infine: “L’attuale progetto di riforma è molto simile a quello prospettato nel 1996 dall’Ulivo su ispirazione di D’Alema, che ora è per il no”.
Ampio il dibattito, con conclusione affidata a Pagano, padrone di casa, che ha citato Alfredo Reichlin, fondatore del Pd e sostenitore del no: “Non voglio vivere questa vicenda come un’insanabile lacerazione tra le forze democratiche. E lo spero perché penso che lo spazio per un’intesa tra esse esiste. Per una ragione fondamentale: perché la realtà, cioè le cose, cioè le sfide del mondo sono molto più grandi delle nostre dispute interne. Per la ragione che per governare l’Italia non basterà un uomo solo al comando. E’ il tessuto nazionale che non reggerà se lo sviluppo del Paese non viene posto su nuove basi, più larghe, sia economiche che sociali, e soprattutto su nuove basi ideali. Un nuovo patto tra gli italiani”.

Popularity: 4%