Lunedì 19 Agosto ore 21.30 all’Arena Cinema Astoria di Lerici proiezione del film “Tutti pazzi a Tel Aviv”
10 agosto 2019 – 09:06 | No Comment

Tutti pazzi a Tel Aviv
Lunedì 19 agosto ore 21,30
Arena Cinema Astoria Lerici
L’Associazione Culturale Mediterraneo ed il Cinema Il Nuovo organizzano, lunedì 19 agosto alle ore 21,30 all’Arena Cinema Astoria di Lerici, la proiezione del film …

Leggi articolo intero »
Crisi climatica e nuove politiche energetiche

Economia, società, politica: anticorpi alla crisi

Quale scuola per l’Italia

Religioni e politica

Ripensare il Mediterraneo un compito dell’Europa

Home » Quale scuola per l'Italia

La Buona Scuola in discussione

a cura di in data 7 maggio 2015 – 12:21Nessun commento
Invito 11 maggio 2015

Invito 11 maggio 2015

“LA BUONA SCUOLA IN DISCUSSIONE”
Incontro con Giuseppe Bagni, Presidente nazionale del Cidi
Lunedì 11 maggio ore 17 Urban Center

L’Associazione Culturale Mediterraneo organizza, lunedì 11 maggio alle ore 17 all’Urban Center di via Carpenino, l’incontro sul tema “La Buona Scuola in discussione”, a cui parteciperà il professor Giuseppe Bagni, presidente nazionale del Cidi (Centro di iniziativa democratica degli insegnanti).

Il tema è di forte attualità, dopo l’approvazione del disegno di legge da parte del Governo il 12 marzo scorso, ora all’esame del Parlamento, e lo sciopero generale unitario dei sindacati della scuola tenutosi il 5 maggio. La discussione pubblica verte innanzitutto sul tema delle assunzioni/stabilizzazioni dei docenti precari: tema importantissimo, che sarà affrontato nel corso dell’incontro. Ma Mediterraneo vuole portare il confronto anche su altri punti molto importanti.Eccone alcuni: la proposta del preside-manager, che valuta, attribuisce gli aumenti di stipendio e sceglie gli insegnanti migliorerà davvero la qualità della scuola o prefigura, al contrario, un modello autoritario e arretrato? Gli sgravi fiscali per gli utenti delle scuole paritarie non rappresentano comunque un “onere per lo Stato”, in contraddizione con la Costituzione? Ma soprattutto: c’è, nel disegno di legge, quel grande e nuovo progetto culturale di cui la scuola italiana ha bisogno? C’è la necessaria preoccupazione per la qualità dei saperi, per il livello di formazione che viene fornita ai ragazzi?

Per informazioni sule attività dell’Associazione visitare il sito
www.associazioneculturalemediterraneo.com


“Le scelte del disegno di legge del Governo aggravano i problemi della scuola”: così ha esordito, nell’incontro organizzato dall’Associazione Culturale Mediterraneo sul tema “La Buona Scuola in discussione”, il professor Giuseppe Bagni, presidente nazionale del Cidi (Centro di iniziativa democratica degli insegnanti). “Bisognerebbe -ha detto Bagni- stralciare il tema delle assunzioni dei precari, da destinare ad un apposito decreto legge, per permettere di svolgere un’approfondita riflessione sugli altri aspetti del disegno di legge che riguardano quale scuola vogliamo costruire per cambiare il nostro Paese”. Il presidente del Cidi è partito da un’analisi dei bisogni e dei problemi della scuola italiana: forti diseguaglianze, differenze di rendimento degli studenti molto legate al contesto territoriale, dispersione scolastica che non scende. Ed ha così proseguito: “Il disegno di legge non affronta questi problemi ma li aggrava perché indirizza le risorse dove ce ne sono di più e le toglie dove sono già carenti: lo fa con il 5 per mille e con lo school bonus. Ma nelle scuole più difficili non c’è bisogno solo di soldi ma anche dei dirigenti e dei docenti migliori… con la chiamata diretta del docente da parte del dirigente si va invece nella direzione opposta”. Il presidente del Cidi è stato molto critico anche sulla scelta del preside manager: ”Questa cultura del preside manager non è mai appartenuta alla scuola, che è forse l’unica istituzione prevista dalla Costituzione che sia riuscita a costruire una comunità di professionisti, dirigenti e insegnanti, che cooperano nel realizzare un progetto educativo: le conquiste più importanti sono arrivate grazie a questo clima di cooperazione che ora rischia di essere spazzato via”. Ancora: “Manca un progetto di scuola, una riflessione su nuovi curriculi che sappiano misurarsi con i nuovi modi di apprendere e vivere dei giovani”. Bagni ha infine criticato il fatto che “i genitori che aderiscono al progetto di scuola pubblica paghino contributi volontari che sono in realtà obbligatori, mentre si detassano i genitori che scelgono le scuole private”.

Dopo gli interventi di insegnanti e rappresentanti sindacali, Bagni e Giorgio Pagano, presidente di Mediterraneo, hanno proposto che le forze firmatarie dell’appello al Parlamento “La scuola che cambia il Paese” (32 sindacati e associazioni) si impegnino ancora nell’iniziativa per cambiare il disegno di legge e si radichino non solo nelle scuole ma anche nei territori.

E’ possibile scaricare i documenti ai seguenti link:

icona-pdfAppello al Parlamento

 

icona-pdfAudizione Cidi

 

icona-pdfSul disegno di scuola e chi la abita

 

Popularity: 5%