Presentazione del<br /><strong><em>MANUALE DEL MUTUALISMO</em></strong><br />Castelnuovo Magra,<br />Venerdì 22 novembre ore 21
13 novembre 2019 – 22:55 | No Comment

Venerdì 22 novembre, alle ore 21, presso Il Forno delle Idee, sede dell’Associazione Lievito Madre (via Borghetto,1 Colombiera Castelnuovo Magra) sarà presentato il Manuale del Mutualismo, frutto delle esperienze condotte a partire dal 2015 presso …

Leggi articolo intero »
Crisi climatica e nuove politiche energetiche

Economia, società, politica: anticorpi alla crisi

Quale scuola per l’Italia

Religioni e politica

Ripensare il Mediterraneo un compito dell’Europa

Home » Economia, società, politica: anticorpi alla crisi

Partecipazione e governo delle città

a cura di in data 18 marzo 2014 – 13:43Nessun commento

PARTECIPAZIONE E GOVERNO DELLE CITTA’
Sabato 29 marzo ore 15-19 Centro Allende

L’Associazione Culturale Mediterraneo ha organizzato, in collaborazione con AIP2 Italia (Associazione Italiana per la Partecipazione Pubblica) e con la Fondazione Toscana Sostenibile, un convegno sul tema “Partecipazione e Governo delle Città”, che si terrà sabato 29 marzo al Centro Allende dalle 15 alle 19. L’iniziativa è inserita nella riflessione che l’Associazione compie da tempo sui temi della crisi delle città e delle politiche urbane, e sulla necessità di metodi di governo fondati su pratiche partecipative: “una buona qualità della democrazia e della decisione -spiega il Presidente Giorgio Pagano- presuppone un buon livello di dibattito pubblico, di cittadinanza attiva e consapevole, di protagonismo civico che vuole contribuire alla cosa pubblica; e un buon livello di capacità delle istituzioni di costruire relazioni con la società fondate sul dialogo partecipato”. Il convegno vuole essere uno stimolo per la ripresa dei processi di democrazia partecipativa nei Comuni e per avviare in Regione Liguria un gruppo di lavoro che definisca una proposta di legge regionale sulla partecipazione dei cittadini nelle scelte delle politiche pubbliche locali e regionali (comprese le grandi opere, gli strumenti urbanistici, ecc). Interverranno i più importanti esperti del settore in Italia, portatori delle esperienze partecipative più significative, quelle scaturite dalle leggi regionali per la partecipazione di Toscana e Emilia-Romagna: Antonio Floridia, Responsabile del settore Politiche per la Partecipazione della Regione Toscana, Alessandro Mengozzi, Consulente del Tecnico di Garanzia della Regione Emilia Romagna e Massimo Morisi, Garante per la comunicazione sul territorio della Regione Toscana. Seguirà un confronto attivo tra i partecipanti (condotto con tecniche partecipative da soci di AIP2 Italia); in conclusione interverranno i rappresentanti delle Amministrazioni locali.

Il convegno su “Partecipazione e Governo delle Città”, organizzato da Associazione Culturale Mediterraneo, Associazione Italiana per la Partecipazione Pubblica e Fondazione Toscana Sostenibile, ha coinvolto molti rappresentanti di enti locali, partiti, associazioni e movimenti, in un confronto appassionato durato quasi quattro ore. Erano presenti, tra gli altri, gli assessori Alessandro Pollio (Comune della Spezia), Massimo Baudone (Comune di Sarzana) e Michele Fiore (Comune di Lerici), esponenti di Pd, Sel e Rifondazione Comunista e di comitati e associazioni, da Legambiente al Comitato di Piazza Verdi a quelli del Levante cittadino. Giorgio Pagano, Stefania Gatti e Marco Grondacci, a nome degli organizzatori, hanno criticato il decisionismo e l’elitismo oggi di moda, proponendo, anche a livello locale, la concezione della democrazia come conflitto, confronto, negoziato per la ricerca di soluzioni condivise. Antonio Floridia e Alessandro Mengozzi, rappresentanti delle Regioni Toscana ed Emila-Romagna, hanno illustrato le rispettive leggi regionali sulla partecipazione e le principali esperienze svolte in attuazione delle leggi. “La legge toscana -ha spiegato Floridia- ha avuto due obiezioni, quella movimentista per cui la partecipazione è solo conflitto, e quella della politica che teme che la partecipazione complichi troppo la decisione”. In realtà, ha aggiunto, “la partecipazione ha un problema di legittimazione democratica, deve passare attraverso le regole”, mentre “il decisore politico da solo non ce la fa, è cieco; la prudenza e la saggezza esigono il coinvolgimento e il confronto tra tutti i punti di vista”. Sia i comitati e le associazioni che la politica, ha concluso Floridia, “devono mettersi in gioco, promuovendo processi partecipativi e accettando il rischio di una soluzione condivisa che sia diversa da quella originaria di ciascuno” Mengozzi ha spiegato i meccanismi della “governance partecipata” in Emilia-Romagna: regole che garantiscano il massimo di inclusione e di imparzialità, tempi certi dei processi partecipativi (massimo 6-9 mesi), negoziazione tra gli attori, ricerca di soluzioni condivise, decisione finale delle istituzioni, di cui esse devono rendere conto pubblicamente.
Molti gli interventi, tra cui quelli dei rappresentanti delle istituzioni. L’assessore spezzino Pollio ha illustrato due percorsi partecipativi avviati di recente a Melara e al Termo e a Pagliari: nel primo è in discussione con gli abitanti “la riqualificazione di aree e tratti stradali, per migliorarne la mobilità, l’accessibilità e la sicurezza”; nel secondo “l’individuazione di soluzioni che possano armonizzare il nuovo insediamento produttivo nel settore nautico con le esigenze ambientali e di qualità della vita nel quartiere”. Pollio ha inoltre annunciato “un ampio dibattito in città per individuare un modello che sappia adeguatamente sostituire le decadute Circoscrizioni”. L’assessore sarzanese Baudone ha parlato di Sarzana come di una “realtà vivace sotto il profilo partecipativo”, citando le consulte territoriali e i comitati sorti su tematiche specifiche; a Sarzana, ha aggiunto, “abbiamo la grande sfida del nuovo Piano Urbanistico, che si baserà su un grande confronto con cittadini e associazioni”.
Pagano e Grondacci, concludendo i lavori, hanno ribadito che solo la partecipazione può consentire il superamento della contrapposizione istituzioni-comitati e della crisi in atto della democrazia rappresentativa, “che si salva e si rinnova solo se si intreccia con la democrazia deliberativa e partecipativa”. “Il decisore politico -hanno aggiunto- agisce bene non se c’è concentrazione del sapere, ma diffusione e valorizzazione del sapere diffuso in un quadro di rispetto delle regole e delle procedure”. Tutti devono assumersi responsabilità: “sbaglia il comitato quando pretende che il percorso vada in una certa direzione, ma sbaglia anche il Comune quando vuole la stessa cosa”. Pagano, Grondacci e Gatti, infine, hanno insistito sulla richiesta che la Regione Liguria si doti anch’essa di una legge sulla partecipazione. Alla Regione, non presente al convegno, verrà reiterata la proposta di dar vita a un gruppo di lavoro per la legge regionale ligure, in cui le tre associazioni sono disponibili a impegnarsi.

E’ possibile scaricare tutto il materiale in formato .ZIP dal seguente link:

Partecipazione e governo delle città

Popularity: 7%