Presentazione del<br /><strong><em>MANUALE DEL MUTUALISMO</em></strong><br />Castelnuovo Magra,<br />Venerdì 22 novembre ore 21
13 novembre 2019 – 22:55 | No Comment

Venerdì 22 novembre, alle ore 21, presso Il Forno delle Idee, sede dell’Associazione Lievito Madre (via Borghetto,1 Colombiera Castelnuovo Magra) sarà presentato il Manuale del Mutualismo, frutto delle esperienze condotte a partire dal 2015 presso …

Leggi articolo intero »
Crisi climatica e nuove politiche energetiche

Economia, società, politica: anticorpi alla crisi

Quale scuola per l’Italia

Religioni e politica

Ripensare il Mediterraneo un compito dell’Europa

Home » Città della Spezia Rubrica Luci della città

E tu ricerchi là le tue radici…

a cura di in data 7 gennaio 2014 – 10:18Nessun commento

Ortonovo, la scartozzera (anni Settanta) (foto archivio Arturo Izzo)

Città della Spezia – 5 gennaio 2014 – Sono convinto da molto tempo che, se vogliamo uno Stato imperniato sul federalismo, o sul decentramento che dir si voglia, non possiamo che fondarlo sui Comuni: è la storia d’Italia che ce lo impone. Altro che Province o Regioni. Non a caso, nel profondo cambiamento in corso, l’ente Provincia non ha retto; e dubito che possa reggere a lungo l’ente Regione così come funziona oggi (tanto più se il numero delle Regioni continuerà ad essere così elevato). Ma i Comuni potranno essere il cardine del nuovo Stato federale o decentrato se supereranno la loro estrema frammentazione: 8.000 Comuni sono troppi, e soprattutto troppo fragili. Una strada abbastanza semplice -anche se ancora troppo poco praticata- è quella della gestione in forma associata di funzioni e servizi, dal sociale alla polizia municipale, dalla pianificazione territoriale alla protezione civile. Ciò può avvenire tramite le Unioni dei Comuni, o con convenzioni o associazioni intercomunali. La mia vita di “cocopro” mi porterà, nel 2014, a collaborare alla stesura dei Piani strategici e dei progetti da presentare all’Unione europea per i fondi 2014-2020 proprio con due realtà di questo tipo: l’Unione dei Comuni del Mugello e l’associazione tra il Comune di Pisa e gli altri Comuni dell’area pisana. Non a caso: se si vuole puntare credibilmente ai finanziamenti comunitari questa strada è obbligata. Ma è una strada utile anche per ottenere finanziamenti regionali o nazionali: basti pensare alle limitate capacità di progettazione dei singoli piccoli Comuni, che possono essere superate, appunto, solo con l’associazionismo. L’Unione o associazione è utile, infine, anche per la razionalizzazione dei servizi e della spesa pubblica.

Ortonovo, figura inclusa in un muro (foto archivio Arturo Izzo)

C’è poi un’ulteriore scelta, quella più radicale, economicamente incentivata da Stato e Regioni: la fusione tra Comuni, soluzione intrapresa per ora in casi molto limitati, e attualmente in discussione in alcune realtà, tra cui Castelnuovo Magra e Ortonovo. Tanti amministratori e cittadini dei due Comuni si battono per la fusione e per la creazione del nuovo Comune di Luni, anche se non mancano gli oppositori. Ma basta la certezza dei finanziamenti garantiti da Stato e Regione per convincere della bontà di questa scelta? Non c’è dubbio che questo incentivo conti, e tuttavia non credo che basti. Serve qualcosa di più profondo, trattandosi di una scelta non solo politica, ma anche culturale e “sentimentale”: la consapevolezza di avere radici comuni. Il prossimo referendum lo vinceranno i sostenitori della fusione solo se nei cittadini prevarrà questa consapevolezza. Per capire meglio come stanno le cose ho chiesto un parere all’amico Piero Donati, storico dell’arte e non solo. Secondo lui il Comune di Luni ha “solide radici”. A suffragio di questa tesi Donati insiste molto, a ragione, sulla realizzazione della stazione ferroviaria di Luni, costruita nel 1885 per volontà delle Amministrazioni di Castelnuovo e Ortonovo proprio a cavallo dei due territori comunali, per assicurare ai residenti il collegamento con un’infrastruttura così importante, e poi per trasportare la lignite estratta dai pozzi della zona. Cessata, nel 1953, l’attività delle miniere, la stazione rimase un punto di riferimento importante per coloro che dovevano recarsi a lavorare a Spezia, in particolare per gli “arsenalotti”. Questo esempio di unione delle forze, mi spiega Donati, non fu un fatto isolato. Ma sentiamo il Donati storico dell’arte, che dimostra come i manufatti artistici offrano molti spunti alla tesi delle ”solide radici”: “Già in precedenza -ad esempio nei drammatici giorni del 1747 nei quali la Val di Magra era stata coinvolta nella guerra di successione austriaca- questa capacità di unire le forze si era mostrata risolutiva, ed un’immagine marmorea dell’Immacolata Concezione ancora oggi visibile a Castelnuovo ricorda che i nemici erano stati costretti a fuggire perché le popolazioni della zona avevano organizzato squadre armate per difendere i propri beni e le proprie persone”. Donati ricorda inoltre che due delle famiglie più importanti di Castelnuovo nei secoli XVII-XIX, i Pucci e gli Amati, avevano beni e interessi nei territori, allora non ancora unificati, di Nicola e di Ortonovo; i Pucci avevano addirittura un loro altare, ancora oggi esistente, nella chiesa di Nicola. Si potrebbe andare, nella ricerca delle radici comuni, ancora più in là nel tempo, e risalire al Medio Evo, quando i due territori erano uniti. O richiamare, oltre all’elemento artistico, quello religioso, un campo con molte tradizioni comuni. Si potrebbe anche ragionare sulle affinità degli ecosistemi e dei paesaggi, che fanno di Castelnuovo e Ortonovo un insieme “naturale”. Soprattutto i “lunensi” devono ricavare la lezione da tutto ciò e dotarsi di programmi per il futuro: per risollevare la stazione di Luni dal degrado e considerarla la porta di accesso a una zona da rilanciare, quella archeologica di Luni; per presentare i due territori come un “unicum” dal punto di vista culturale e turistico; per riscoprire gli antichi saperi popolari necessari a conservare l’habitat naturale, e così via…
“E tu ricerchi là le tue radici se vuoi capire l’anima che hai…”: credo che le parole della bellissima canzone di Francesco Guccini valgano anche per Luni. Se sulle basi delle “solide radici” e di progetti con esse coerenti ci sarà una presa di coscienza dei cittadini, i promotori della fusione prevarranno al referendum. Temo che altrimenti, ragionando solo di razionalizzazione dei servizi e della spesa o di trasferimenti finanziari, rischino di prevalere il disinteresse e la conservazione dell’esistente.

lucidellacitta2011@gmail.com

Popularity: 5%